20 cose che forse non sapevate di poter chiedere a Siri

di |
chiedere a siri

Un elenco di piccole e grandi cose poco note per le quali Siri, l’assistente vocale di iOS, può essere d’aiuto. Le conoscevate?

L’assistente vocale di Apple è diventato con il passare del tempo più “smart” e lo diventerà probabilmente ancora di più in futuro, stando almeno a vari brevetti registrati dalla Casa della Mela. Siri può essere utile in vari casi, consente di inviare messaggi, effettuare chiamate, gestire appuntamenti e molto altro. È possibile ottenere indicazioni, ottenere risposte a domande, impostare promemoria.

Sono molte le cose che è in grado di comprendere, ma parlando con alcuni utenti ci siamo resi conto che non tutti ne conoscono le potenzialità. Abbiamo raccolto un piccolo elenco di domande tra le più curiose che potete chiedere all’assistente.

chiedere a siri

Per provare assicuratevi che Siri sia attivo; basta andare in Impostazioni > Generali > Siri (e avere ovviamente una connessione Wifi o dati cellulari attiva). Siri funziona su: iPhone 4s e seguenti, iPad Pro, iPad Air e seguenti, iPad (3a generazione) o versioni più recenti, iPad mini o versioni più recenti, iPod touch (5a generazione) e seguenti.

  1. Quand’è il compleanno di…
    Se avete l’accortezza di memorizzare nella rubrica dettagli delle persone che conoscete, potete chiedere informazioni del tipo: “Quand’è il compleanno di Mario Rossi?” oppure: “Quanti anni ha Mario Rossi?”, “Che giorno è nato Mario Rossi?”
  2. Calcoli
    Potete usare Siri per fare calcoli, con domande del tipo: “Quanto fa quattro per due moltiplicato tre diviso venti?” ma anche indicando direttamente l’operazione, tipo: “80 x 40” o “1400+22%”.
  3. Che ore sono nel mondo
    È possibile chiedere a Siri che ore sono (“Che ore sono?”) ma anche specificare la città. Esempio: “Che ore sono a New York?”, “Che ore sono a Pechino?”, ma anche “Fuso Orario Australia”.
  4. Quanto manca a capodanno?
    Ok. L’anno vecchio è da poco finito ma se siete curiosi, potete chiedere a Siri quanto manca con domande del tipo: “Quanto manca a capodanno?” ma anche “Quanto manca al capodanno cinese?”, “Quanto manca al capodanno lunare?”, “Quanto manca a Natale?”, “Quand’è Pasqua?”, “Quand’è la Befana?”, “Quand’è il Ramadan?”.
  5. Che giorno era il…
    Che giorno era quando siete nati? Basta chiedere: “Che giorno era l’11 ottobre del 1969?”. Si può ovviamente anche sapere che giorno della settimana sarà in futuro con domande del tipo: “Che giorno sarà il 14 settembre 2018?”. Interessante anche la possibilità di chiedere cose del tipo. “Quanto manca al 5 ottobre 2040?”
  6. Conversioni
    Siri è un ottimo strumento per convertire le valute. Potete chiedere cose del tipo: “Quanti sono 1432 dollari”, oppure “Quanti sono 10.000 yen?”. Rimanendo in tema denaro potete chiedere informazioni su azioni con domande del tipo: “Come ha chiuso FIAT?”, “Come ha chiuso Apple?”. Altri tipi di conversioni possibili sono quelle da miglia a km. Esempio: “Quanti Km sono 40 miglia?”. Utile anche conversioni per il peso (es. “Converti 600 once in chili”).
  7. Quanti abitanti ha…
    Curiosi di sapere quanti abitanti ha una città? Chiedete a Siri. Potete fare domande del tipo: “Quanti abitanti ha Cosenza”, “Quanti abitanti ha Roma”, “Quanti abitati ha Las Vegas?”, ecc.
  8. Siri è appassionata di calcio… e non solo
    “Che ha fatto la Juve?”, “Che ha fatto la Roma?”, “Ha vinto il Torino?” sono domande che forse sapevate già di poter fare. Sapevate che potete chiedere anche cose del tipo: “Mostrami la classifica di serie A”, “Quando inizia il campionato?”, “Dimmi il capocannoniere della serie A”, “Differenza reti tra Juve e Inter”. Siri non si “occupa” solo di calcio ma consente di mostrare i risultati di campionati USA di Baseball, Basket e Hockey. Potete ad esempio chiedere: “Mostrami la classifica NBA”.
  9. Foto
    Potete chiedere a Siri di aprire l’app Fotocamera dicendo: “Scatta una foto”. Più interessante è la possibilità di mostrare solo alcuni scatti con comandi del tipo: “Mostra le foto scattate a Firenze”, “Mostra le foto scattate ad agosto”, “Mostra le foto scattate nel 2013”, “Mostra le foto scattate di notte”.
  10. Allarmi e timer
    È possibile impostare con la voce allarmi e timer, con comandi del tipo “Svegliami domani mattina alle cinque”, “Ricordami domani mattina alle nove di pagare la bolletta”, “Imposta un timer di tre minuti”.
  11. Aprire un’applicazione e modificare impostazioni
    Per aprire un’applicazione basta dire “Apri” seguito dal nome dell’app da aprire (es. “Apri Dropbox”). Meno noto a tutti è che è anche possibile specificare comandi del tipo: “Apri impostazioni”, “impostazioni privacy”, “impostazioni contatti”, “Apri impostazioni sfondo”, ecc. Usando il comando “Riproduci tutta la musica” sarà possibile riprodurre tutti i brani in ordine casuale presenti sul dispositivo. “Aumenta la luminosità dello schermo” permette di aumentar un po’ la luminosità.
  12. Numeri a caso, dadi e testa o croce
    Volete tentare la sorte chiedendo a Siri i numeri a lotto? Si può fare: basta una frase del tipo: “Dimmi un numero a caso”. Potete anche chiedere di lanciare una moneta oppure un dado al posto nostro, sostanzialmente attivando la funzione di generazione di numeri casuali che, nel primo caso, risponderà di volta in volta con “Testa” o “Croce” simulando l’operazione di tirare una moneta, mentre nel secondo estrarrà un numero compreso tra 1 a 6 simulando il lancio di un dado. È possibile lanciare anche dadi speciali con più lati, chiedendo ad esempio di “Lancia un dado da 10” per garantire così la funzione random per i numeri, per l’appunto, compresi tra 1 e 10.
  13. Cosa si dice su Twitter
    Volete sapere gli ultimi argomenti di un account che seguite su Twitter. Niente di più facile, basta fare una domanda del tipo: “Cosa dice Lady Gaga”, “Cosa dice La Zanzara”, “Mostra i tweet di xxxx”, ecc. Per postare un tweet basta dire: “Posta su twitter xxx” e confermare includendo eventualmente la posizione menzionare una persona dai contatti, aggiungere hashtag, ecc. Lo stesso si può fare anche con Facebook: “Posta su Facebook… “.
  14. Indicazioni
    È possibile chiedere a Siri le indicazioni per una specifica via con un comando del tipo “Indicami come arrivare a Via Cola di Renzo, Roma”, avviando la procedura che mostra l’itinerario. Se la procedura guida che mostra l’itinerario è attiva, è anche possibile fare domande del tipo: “Quanti KM mancano all’arrivo”, “Quanto è distante xxx “nome di una città”).
  15. Indicare a Siri casa e ufficio
    Se i servizi di localizzazione sono attivi (Impostazioni > Privacy > Localizzazione), potete indicare a Siri quando vi trovate a casa, in ufficio, a scuola, ecc. Basta una frase del tipo: “[nomecontatto] questa è la mia casa” oppure “[nomeconttatto] è il mio ufficio” e poi confermare la relazione. In questo modo si potrete dire a Siri frase del tipo: “Quando sono a casa ricordami di chiamare xxx”. Le associazioni consentono anche di chiamare usando frasi del tipo: “Chiama mia sorella”, “Chiama mio fratello”. La prima volta che indicate queste frasi, Siri chiederà di sapere qual è il contatto che corrisponde al fratello, sorella, madre, ecc.
  16. Cambiare il nomignolo
    Non volete che Siri vi chiami con il vostro nome reale? Potete cambiarlo. Basta dire la frase: “Cambia il mio soprannome” e specificare il nomignolo con il quale vi dovrà chiamare.
  17. Cambiare la pronuncia dei nomi.
    Siri sbaglia a pronunciar il nome di un vostro amico, di un collega o un’azienda? Basta dirglielo: “Non è così che si pronuncia xxxx”. L’assistente chiederà la corretta pronuncia e a quel momento in poi pronuncerà il nome in modo corretto.
  18. Appuntamenti nelle mail
    Abbiamo appuntamenti in sospeso nelle mail? Chiediamo a Siri: “Dimmi se ho appuntamenti nelle mail”. Interessante anche la possibilità di usare comandi del tipo: “Trova email con oggetto “analisi””: verranno mostrate i messaggi di posta con l’oggetto in questione.
  19. Attivare e disattivare Impostazioni
    Siri è in grado di attivare o disattivare determinate impostazioni. Ad esempio il modulo Wi-Fi o Bluetooth. Per farlo è sufficiente chiedergli di accendere/spegnere la relativa funzione (“Disattiva il Bluetooth”, “Disattiva il WiFi”),
  20. Cose divertenti
    Da provare domande del tipo: “Come ti sembro?”, “Chi è il tuo attore preferito?”, “Consigliami un film”, “Consigliami una ricetta”, “Credi in Dio?”, “Consigliami un orologio”, “Se non sai zitta compro un Samsung”, “Siri recita una poesia”, “Racconta una storia”, “Qual è il miglior telefono in commercio”,
  • CAIO MARIZ®

    Siri migliora ogni anno

    • IlNonno

      Sopratutto nel fargli la supercaxxola, però è vero, almeno rispetto al Samsung è molto meglio.

      • CAIO MARIZ®

        Google è più completo ma manca completamente di umanizzazione, Siri è il più user friendly e ora riconosce anche la voce dell’utente, Samsung deve decidersi, o lascia perdere e fa fare tutto a Google o toglie Google now e punta tutto su S Voice

        • IlNonno

          Se per umanizzazione intendi farci le barzellette lo provi una volta e non più.

          S voice è una ciofeca, siri è anche utilizzabile.

          Google now sembra buono ma ha il problema che fatichi a renderlo di default su android, devi lanciarlo manualmente e non col tasto centrale o col comando dell’auto, e questo lo rende quasi inutile.

          Un altro problema è che ancora molte auto prentendono di usare i propri comandi al posto di quello del teleofno; ho una nuova ford con sync e utilizza il proprio software da comando al volante, che non capisce niente, senza farmi usare quello del telefono molto migliore.

          • CAIO MARIZ®

            Con Siri puoi fare di tutto, anche gestire la tua casa con la domotica, pure l’auto

          • IlNonno

            si, supponendo di avere installato tutte cose apple in casa e carplay in auto…tutta roba di là da venire.

            Stessa cosa farà con google now con android auto ecc

          • CAIO MARIZ®

            Nono è tutto in vendita da mesi se non 1 anno

          • IlNonno

            in vendita non vuole dire diffuso nelle auto e nelle case, per quello devi aspettare almeno 5 anni per le auto e chissà quanto per le case.
            tantissimi ultimi modelli di auto non lo propongono nmmeno, la nuova tipo ha il suo blue connect, la ford ha sync ecc

          • CAIO MARIZ®

            Quasi tutte le auto del mondo hanno CarPlay, nessuna auto ha Android auto, chiediti il perché

          • IlNonno

            La metà è quasi nessuno?

            “Secondo Big G dovrebbero essere oltre 40 i modelli di autovettura equipaggiati con Android Auto nel 2016, ai quali vanno aggiunti i tanti sistemi di infotainment installati in post-vendita. Apple e la sua soluzione CarPlay sono ancora lontane, visto che si parla di almeno 100 modelli circolanti con il sistema operativo di Cupertino, ma sicuramente Google saprà darsi da fare per recuperare il terreno perduto.”

            Comuqneu mai visto su nessuna auto normale:

            la mia ragazza ha appena cambiato auto ma mai visto nessuno dei due su nessuna auto: kia, fiat, ford, renault, citroen, dacia te lo garantsico per esperienza personale.

            Se non ci sono adesso significa che nonc i saranno per almeno 5 anni, perchè fino al prossimo restyling non cambia niente.

          • CAIO MARIZ®

            Al salone di Ginevra tutte le auto avevano CarPlay, tutte, quindi tutte le auto che usciranno nel 2016 avranno CarPlay a bordo…
            Tutte le supercar del mondo hanno CarPlay, dalla Porsche che costa 100’000 euro fino alla koenigsegg da 4 milioni di euro, passando per Ferrari, lamborghini, Maserati, McLaren, Bugatti, Pagani e chi più ne ha più ne metta…
            Tutte le Mercedes, Audi, Bmw, Volkswagen, Opel, chevrolet, Seat, skoda, Volvo, DS, Cadillac hanno CarPlay (e sono la maggioranza delle auto vendute nel mondo) per non parlare delle rimanenti decine di modelli di altri brand

          • CAIO MARIZ®

            La C3-C4-C5-Berlingo hanno CarPlay
            Ford e scarpe ha CarPlay
            Fiat e dacia non lo hanno perchè per abbassare i prezzi a 12’000 euro per una Tipo Berlina, o 7000 euro per una dacia non rientrerebbero nei costi
            Ma sono la stragrande minoranza delle auto vendute nel mondo

          • IlNonno

            Ford è pronta: CarPlay e Android Auto su tutti i modelli dal 2017

            BMW adotterà Android Auto per i nuovi modelli

            Android Auto si allarga: arriva anche Seat tra i produttori

            Audi, nel 2015 i primi veicoli con Carplay e Android Auto

            Volvo annuncia Android Auto per i prossimi modelli

            Solitamente li montano entrambi anche perchè c’è da porsi la solita domanda: che succede se ho un telefono android (80% share) con car play (iphone 15% share)? Niente compatibilità come da abitudine apple?

          • CAIO MARIZ®

            Spero di sì

          • IlNonno

            Allora non serve a niente anzi mi incaxxo pure, se compro un’auto e molto probabilmente non posso collegarci il telefonino, specie se una supercar da 100.000 euro.

            Come minimo vanno installati entrambi o devono far uscire l’app per android.

          • CAIO MARIZ®

            Android non ha bisogno di Android auto per collegarsi all’auto, ci sono molte altre soluzioni, e i produttori di auto sono restii ad adottare Android auto perchè raccoglie troppe informazioni dalle auto (ovviamente per rivenderle facendo soldi con la pubblicità, cosa che Apple non fa)

          • IlNonno

            Raccoglierà informazioni su cosa fa l’utente come è normale, e comunque in tutti gli articoli si parla di supportarli entrambi come è giusto: compro una mega auto che promette faville, magari da 100.000 euro, poi al massimo ci faccio il viva voce perchè ho il telefonino sbagliato?

            Assurdo, come minimo vado dal concessionario e mi installa l’altro sistema o fai un dual boot o fai scegliere al momento dell’acquisto.

            Come vedi comuqnue si parla tranquillamente di bmw, ford, hiunday, volvo ecc…40 modelli contro 100, numeri più che paragonabili.

          • IlNonno

            Android Auto fa parte della Open Automotive Alliance, che è stato annunciato il 6 gennaio 2014, ed è uno sforzo congiunto con 28 case automobilistiche e fornitori di tecnologia Nvidia mobili.

            Le case automobilistiche che offrono oppure offriranno Android Auto nelle loro auto vetture sono Abarth, Acura, Alfa Romeo, Audi, Bentley, Chevrolet, Chrysler, Dodge, Fiat, Ford, Honda, Hyundai, Infiniti, Jeep, Kia, Maserati, Mazda, Mitsubishi, Nissan, Opel, RAM, Renault, Seat, Škoda, Subaru, Suzuki, Volkswagen, Volvo. Tra i fornitori figurano Kenwood e Pioneer[4].

          • CAIO MARIZ®

            CarPlay è già installato e venduto su 110 modelli di 23 case automobilistiche
            A breve raggiungerà la 45 principali case automobilistiche
            Abarth, Acura, Alfa Romeo, audi, Bentley, BMW, Buick, Bugatti, Cadillac, Chevrolet, Chrysler, Citroen, Dodge, DS Automobiles, Ferrari, Fiat, Ford, GMC, Holden, Honda, Hyundai, Jaguar, Jeep, kia, koenigsegg, Lamborghini, Land Rover, Maserati, Mazda, Mercedes Benz, Mitsubishi, Nissan, Opel, Pegeot, Porsche, Ram, Renault, Seat, Skoda, Subaru, Suzuki, Toyota, Vauxhall, Volkswagen, Volvo.
            Alpine, Kenwood, Pioneer, JBL

          • IlNonno

            40 modelli contro 100, 23 case contro 28.
            Direi che il “nessuno lo vuole” sia molto campata in aria come affermazione.

          • CAIO MARIZ®

            47 case contro 28

          • IlNonno

            al momento 23, a breve anche android si espanderà.
            Inutile giocare coi numeri, sono entrambi proprosti e supportati come è giusto, anche solo per il fatto che 8 su 10 avrò un telefonino android quindi è giusto poter scegliere.

          • CAIO MARIZ®

            Al momento Android auto non menziona nulla sulla diffusione reale, mischia solo case future e attuali per non dare i numeri reali che sono imbarazzanti a confronto di CarPlay, come in tutto ciò che è legato ad Android, non ce n’è una che vada bene

          • IlNonno

            parla di 40 modelli, spesso gli stessi di car play perchè è ovvio aspettarsi la scelta tra i due.

            C’è un apposito consorzio composto da 23 case, non è “la solita cosa che non va mai bene”..quali poi?

            semplicemente google è una software house, produce una piattaforma ma aspetta i partner per renderla operativa; il fatto che apple operi diversamente non la rende migliore.

          • CAIO MARIZ®

            Di fatto si perchè hai la piena compatibilità ovunque e supporto estremo in qualsiasi cosa, non c’è nulla lasciato al caso o in stand by

          • IlNonno

            piena compatibilità a cosa che chi ha un pc o un android manco può trasferire un file?
            e quelli sono rispettivamente l’80% ed il 93% delle persone, quindi una grande percentuale di utenti apple stessi.

          • CAIO MARIZ®

            Sono 3 anni che non trasferisco file via cavo con qualsiasi dispositivo, se uno è masochista compra e utilizza i prodotti in maniera ignorante e mediocre

          • IlNonno

            Beh ieri ho caricato diversi giga di musica e immagini sul mio 5s con iTunes, che altro modo (gratuito) propone Apple per una funzione di base come questa ?

            Basta uscire dall’Italia o essere in una zona montuosa o del sud per non avere internet, ma al 90% incontrerai persone con PC e Android e tu stesso lo avrai.

            Anche ammesso di avere internet quale modernissimo mezzo propone apple ? La mail ?

            Assurdo che diano disservizi di questo tipo ai loro stessi clienti.

          • CAIO MARIZ®

            Non ti serve il filo per caricare 5 GB di musica, anzi con il Wi-Fi direct vai molto più veloce

          • IlNonno

            Va beh ma serve sempre iTunes o uno degli improbabili programmini compatibili.

            Come faccio senza? Come trasferisco un file ad un Android senza internet, banalmente? E con internet ? Vai mail ?

            Metto i miei file su icloud ma non li vedo su altre piattaforme ?

          • CAIO MARIZ®

            iCloud è accessibile da qualsiasi dispositivo di questa terra sul sito web

          • IlNonno

            sul web? e da li scarico per averne copie in locale?
            è un casino, altro che compatibilità.

            Non puoi affidare i tuoi dati a chi è cosi chiuso in te stesso e ti mette in difficoltà appena esci, banalmente per un muletto o col pc che al 99% avrò al lavoro.

          • CAIO MARIZ®

            Se vuoi la sicurezza prendi iOS e OS X, se non la vuoi prendi altro, e infatti costa meno

          • IlNonno

            ma che c’entra, il sistema più sicuro al mondo è windows phone o chromebook ma ciò che si vuole è poter lavorare tranquillamente e senza scalare montagne nel mondo reale, non in quello da ritorno al futuro dove siamo tutti connessi alla massima velocità.

            IL miglior compromesso tra tutto.

            Serve un compromesso tra tutto pensando come prima cosa che non esisti solo tu, anzi il 90% di ciò che ti circonda è diverso e tu per primo avrai diversi dispositivi, a meno che tu non sia un ricco architetto che lavoro in proprio.

          • CAIO MARIZ®

            Non mi interessa cosa utilizza il 90% del mondo, utilizzo ciò che è meglio per me è in questo momento Apple è 10 spanne sopra a tutti per sicurezza, affidabilità e costo (spendi di meno nel lungo periodo), se devo condividere un file vado di Telegram, mail, Dropbox, così il file ce l’ho io, lo ha lui e lo ha pure il cloud (c’è un backup in più), non serve far venire la persona fisicamente davanti a me, se il file è troppo pesante vado di AirDrop (senza internet), se lui non ha un dispositivo Apple si collega lui al Mac o all’hard disk Wi-Fi locale, no che io devo adattarmi a quello che acquistano gli altri, ma stiamo scherzando?
            Se io vado in giro con iPhone e mi serve un file gli dico di spedirmelo via mail, via Telegram o via Dropbox, no che devo girare con cavi, chiavette, adattatori USB, gestori file solo perchè chi ho di fronte non ha voglia o non è capace di utilizzare i prodotti del 2016, non quelli del 1995

          • IlNonno

            se il 90% delle persone con cui hai a che fare usa altri prodotti e se nel 50% dei posti dove non hai internet…allora si, devi essere tu ad adattarti.

            NOn è detto che abbiano telegram (cos’è??) o dropbox, devi usare solo ciò che è di serie…bluetooth, wi fi direct…ops, non funzionano con la compatibilissima apple.

            Se invece vivi nel mondo dei film dove siamo tutti super connessi e poi tanto al sera torno al mio mac di casa…puoi farne a meno, ma questo non toglie i gravissimi limiti autoimposti.

          • CAIO MARIZ®

            Bluetooth è lento ed instabile, Wi-Fi direct lo utilizzo quotidianamente con l’hard disk esterno e AirDrop,

          • IlNonno

            bluetoooth funziona benissimo per file piccoli, airdrop solo tra dispositivi apple (quindi non serve a niente), wi fi pure.

            Posso mandare un file via wifi tra android – android? si android pc? si android apple? no pc apple? no

          • CAIO MARIZ®

            Musica, c’è Spotify, Apple Music, deezer, soundcloud, musixmatch etc. Basta solo condividere un link, non serve nemmeno passare la musica…
            Film c’è iTunes Store, play store video, YouTube, Netflix, Sky, Mediaset, Rai, Facebook, anche qui devi solo condividere un link e play store è presente anche su iOS
            Foto, c’è Google foto, iCloud Photo Library, One drive, Dropbox, whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram, Twitter
            Autodesk, c’è il cloud dedicato per qualsiasi dwg
            Se sei un videomaker con file da 100 GB, basta un hard disk Wi-Fi
            E questi funzionano su tutti i dispositivi
            Che file dovresti passare via Bluetooth?

          • IlNonno

            musica e film c’è il mio hard disk con i miei contenuti già pagati che voglio avere in locale, unico modo per avere il massimo delle prestazioni sempre.

            Posso essere su un aereo, in uno scantinato in montagna, all’estero, avere finito il mio giga mensile ecc

            Foto ci sono le mie che faccio e voglio avere in locale (e che itunes per pc incasina..metti sincronizza questa cartella ma se ci sono tante sottocartelle le unisce tutte).

            Via bluetooth passo piccoli file (foto, documenti, canzoni, apk ecc) in qualunque parte del mondo verso qualunque dispositivo, dimenticandomi che appena fuori dall’italia non attivi internet per i costi che ha (o la tua azienda te la blocca).

            Se sono file più grandi o complessi, tipo intere cartell di mp3, collego il cavo a QUALUNQUE oc al mondo, anche dell’hotel, e me li passo.

            Questo per dire che apple non è rose e fiori, appena esci dal tuo piccolo buco ben servito sono montagne da scalare e a ben poco serve battere i piedi accusando gli altri di arretratezza.

          • CAIO MARIZ®

            Il Wi-Fi c’è anche in aereo da almeno un anno, l’ho utilizzato la settimana scorsa e ho condiviso una decina di foto con i miei amici

          • IlNonno

            si, a 9 euro l’ora e solo su certe linee

          • CAIO MARIZ®

            1 euro per 500 MB per tutto il tempo di volo

  • kekko

    Ma la ram viene azzerata quando il terminale viene spento D:

    (Riferito a quella sottospecie di poesia)