Acer: troppo caro il Tablet PC

di |
logomacitynet696wide

Acer vende pochi Tablet PC che resta al di sotto di tutti i target di vendita. “La colpa – dice l’azienda Taiwanese – è di Microsoft. Troppo caro il loro sistema operativo”.

Il Tablet PC non decolla? La colpa è di Microsoft. L’€™accusa precisa e netta arriva dal quello che viene considerato il maggior produttore mondiale di questo tipo molto particolare di laptop, annunciato come una rivoluzione nel campo delle macchine da viaggio ma che stenta da decollare. Un avvio faticoso che, secondo Acer, non è da attribuire al concetto che soggiace ad esso o alle sue funzionalità , ma al costo. Un costo troppo alto sul quale incide il prezzo di licenza di Windows, esageratamente alto.

‘€œMicrosoft – ha detto il presidente di Acer Wang Cheng Tang nel corso dell’€™evento che segna un anno di vita del sistema operativo di Tablet PC – dovrebbe impegnare più risorse nel marketing di questo tipo di computer’€, riferendosi proprio ai costo giudicato esorbitante del sistema operativo.

Secondo quanto riferisce la stessa Acer un Tablet PC costa circa 180 euro più di un portatile tradizionale; il maggior costo imposto dal differente hardware varia da 25 a 50 euro, mentre la parte restante è determinata dalla costo più elevato di Windows Tablet Edition rispetto al Windows per portatili.

Il risultato è che Acer, che resta il maggior produttore mondiale di Tablet PC, ha mancato e di gran lunga i target di vendita prefissati. Invece di arrivare al 20% del totale dei portatili i Tablet PC di Acer si fermano al 5%. Anche HP e Viewsonic hanno recentemente fatto sapere di non essere riusciti ad imporre il prodotto sul mercato.

‘€œLa soluzione per rilanciare il Tablet PC – ha detto Wang – è in un abbattimento dei costi della licenza del software. Fino ad oggi però i nostri tentativi di convincere Microsoft sono stati vani’€.

Microsoft da parte sua ritiene adeguati i costi del sistema operativo. Anzi fa sapere attraverso un suo portavoce di Taiwan che il prezzo dell’€™OS copre solo una minima parte dei costi di sviluppo. Redmond, d’€™altra parte, non si ritiene insoddisfatta dell’€™accoglienza per Tablet PC e punta ai numeri: ‘€œNel corso del 2003 avevamo 21 licenziatari – dice Eunice Chiu, general Manager di Microsoft Taiwan – nel 2004 saranno 34’€