Addio alla GeForce3

di |
logomacitynet696wide

Con il lancio delle GeForce4 scompare da Apple Store l’opzione per la GeForce3. In attesa di qualche cosa di nuovo?

Gli utenti dei G4 hanno ora a disposizione schede grafiche molto potenti installate direttamente in serie ed è difficile trovare conveniente applicare una scheda aggiuntiva spendendo diverse centinaia di euro in più per ottenere poco di più.
Forse è questo il pensiero che ha spinto Apple ad eliminare dal suo store on line la GeForce 3 disponibile fino a pochi giorni fa. La scheda, che costava 579 euro (1.121.000 di lire) è stata infatti cancellata dal listino.
Secondo alcuni test il chip GeForce3 è ancora oggi leader anche se paragonato ai GeForce4 dei G4 attuali. Questo perché i processori grafico in uso sulle macchine Pro sono in versione MX, la più economica, mentre la scheda GeForce che veniva offerta da Apple era in versione di fascia alta.
Probabilmente, però, Apple ha ritenuto non giustificato sotto il profilo del marketing il prezzo richiesto a fronte di un incremento di prestazioni che non rende ragione di un esborso così consistente. In seconda istanza, probabilmente, proporre una scheda che, almeno nominalmente, è inferiore a quella offerta di serie non è giustificabile se non a patto di spiegazioni che, sempre commercialmente, non sarebbero plausibili e finirebbero per confondere o sfiduciare (nei confronti della GeForce4) il consumatore.
Ora resta da chiedersi se Apple lascerà  la sua offerta di schede aggiuntive scoperta com’è attualmente o se tiene in serbo qualche cosa di nuovo.
Una possibilità  potrebbe essere il lancio di una scheda grafica con chip GeForce4 in versione “Ti”; la differenza rispetto alla GeForce4 MX dei G4 sarebbe sì sensibile ma non avrebbe il “plus” della denominazione superiore offerto dalla GeForce3 che si confrontava con una GeForce2.
Una seconda alternativa potrebbe essere una scheda Radeon 8500, secondo alcuni siti specializzati al momento la più potente delle schede desktop per il 3D. Questa potrebbe essere la soluzione più logica e produttiva sia sotto il profilo commerciale che dei rapporti con le terze parti.
Ne sapremo di più tra qualche settimana.