All’E3 riflettori sul gioco da tasca di Sony e Nintendo

di |
logomacitynet696wide

Sony e Nintendo protagoniste del giorno del debutto dell’E3. Per la prima volta presentate le specifiche della PSP e del “DS”, le due nuove console da tasca che dovrebbero rivoluzionare l’esperienza del gioco da viaggio.

La giornata di ieri all’E3 di Los Angeles, la fiera mondiale del divertimento interattivo, è stata segnata dall’annuncio delle due console da tasca di Sony e Nintendo. I due gadget, che secondo alcuni esperti segnalano l’inizio della rivoluzione del “divertimento” da viaggio, presentate in maniera schematica nei mesi scorsi, hanno ora un “volto” costituito da immagini ufficiali e specifiche.

La PSP, Portable Play Station di Sony, il primo dispositivo portatile per il gioco del colosso giapponese si presenta con dchermo 16:9, “wide” da 480×272 pixel, uscita stereo, speaker, sempre stereo, integrati, controlli simili a quelli della PlayStation 2.
La connettività  via “cavo” è garantita da una presa USB 2, quella wireless da Wi-Fi (802.11b).
Sony parla anche della possibilità  di collegare la PSP in rete sia via Internet che in locale con altre PSP.

La connessione USB (come quella wireless) può essere impiegata per scaricare software su una Memory Stick. La presa USB permette di aggiungere varie periferiche. All’E3 erano in mostra un GPS, una tastiera completa e una macchina fotografica digitale. Al PSP non manca neppure la connettività  IrDA.

I giochi saranno caricati su un disco ottico UMD (Universal Media Disc) di soli 6 centimetri di diametro ma con una capacità  di 1.8 GB di dati. I diritti digitali sono protetti da un sistema di DRM che prevede un unico ID per ciascun disco e ogni singola macchina oltre che una chiave AES a 128 bit per i media.

Altre specifiche tecniche parlano di batterie agli ioni di litio con durata di 2,5 ore di gioco e 10 ore in riproduzione di MP3, dimensioni di 170mm x 74mm x 23mm e peso di 260g. Memoria da 32 MB. Il processore, dedicato, ha una velocità  di 333 MHz. E’ presente anche un processore grafico, benché non ne sia stata chiarita la potenza di calcolo. Gli accessori includono un supporto da tavolo, cuffie con telecomando e vari altri gadget.

Secondo Sony, che per ora non fornisce prezzi per la PSP, la console è in grado di produrre video fluidi e un’esperienza di gioco simile a quella della PlayStation 2.

Il Nintendo DS (Dual Screen) era in qualche modo più misterioso e anche ieri è rimasto un po’ più defilato perché la società  giapponese ha fornito minori dettagli rispetto a quelli presentati da Sony.

La più interessante delle caratteristiche, il doppio schermo, è stata però illustrata nel dettaglio suscitando grande interesse per le potenzialità  che esso possiede. Uno schermo, ad esempio, può essere utilizzato per mostrare le mappe e l’altro il gioco in prima persona, oppure i due schermi possono essere “uniti” per ampliare la visione. E’ presente, per la primam volta su un dispositivo di gioco portatile, anche una funzione di touch screen che, ad esempio, può essere usata per sparare o per controllare i giochi. Il Nintendo DS è compatibile con i giochi del GameBoy Advance per i quali presenta uno slot dedicato. I giochi specifici per il nuovo dispositivo devono usare uno slot differente con cartucce fino ad 1 GB. Non è presente la capacità  di leggere supporti ottici.

Nel Nintendo DS è inclusa anche la capacità  di riconoscere la voce, un sistema di connettività  802.11b che consente di giocare in rete i gruppi di 16 persone.

Nintendo non ha fornito informazioni specifiche sulla capacità  di calcolo del processore, limitandosi a dire che il “DS” è in grado di concorrere con il Nintendo 64. L’impressione dei presenti è che la velocità  del processore e le prestazioni non siano al pari di quelle della PSP. Ma il presidente di Nintendo Satoru Iwata non ha dato molto peso a questo aspetto, sottolineando come “Il momento in cui potenza da solo fa la differenza è finito. D’ora in avanti dobbiamo essere in grado di offrire esperienze nuove”

Il Nintendo DS sarà  in commercio in Asia e Stati Uniti entro l’anno. In Europa e Australia arriverà  solo nel 2005.