All’asta il Mac Plus 0001 di proprietà  del papà  di Star Trek

di |
logomacitynet696wide

Nei primi giorni di ottobre sarà  messo all’asta il primo Mac Plus matricola 0001 che Apple regalò a Gene Roddenberry ideatore di Star Trek. La vendita è organizzata dalla società  Profile in History specializzata nelle aste di oggetti e memorabilia del mondo di Hollywood: prezzo previsto di vendita compreso tra gli 800 e i 1.200 dollari.

Il primo Mac Plus sfornato dalla catene di costruzione fu regalato da Apple a Gene Roddenberry, leggendario ideatore della saga Star Trek. Questo storico esemplare che porta il numero di matricola 0001 sarà  messo all’asta l’8 o il 9 ottobre da Profile in History, società  specializzata nelle aste di oggetti e memorabilia che ruotano attorno al mondo di Hollywood.

Il MacPlus è dotato di 1MB di memoria RAM, disco floppy a doppia faccia e per la prima volta di una porta SCSI per collegare dischi fissi esterni. Esteticamente il MacPlus risulta praticamente identico al primo originale Mac introdotto nel 1984 con un unico corpo per ospitare i componenti principali del sistema e anche il piccolo schermo da 9″ integrato. Indicato con il lotto numero 676 il primo MacPlus uscito dalle catene di costruzione di Fresno, California sarà  messo all’asta per un prezzo atteso compreso tra gli 800 e i 1.200 dollari, stando alle indicazioni fornite da Profile in History.

Considerando il numero seriale 0001, più precisamente F4200NUM0001 e anche il fatto che questo speciale computer è appartenuto al creatore di Star Trek, è plausibile che il prezzo finale di vendita possa lievitare sensibilmente. Il sistema è accompagnato da una lettera di Rod Roddenberry, figlio dello scrittore. Oltre che agli appassionati della Mela, il primo MacPlus della storia risulta così un oggetto di culto anche per i numerosi fan di Star Trek sparsi per tutto il pianeta. In questo articolo riportiamo una foto del primo MacPlus pubblicata da Profile in History: per esaminare altre foto più dettagliate rimandiamo a questa pagina di The Mac Observer.