Amazon, primo profitto?

di |
logomacitynet696wide

Se confermata potrebbe essere una notizia storica: Amazon posterà  il suo primo profitto.
Il segnale che l’€™e-commerce non è morto, anzi, non stava neppure tanto male… ed entra nella seconda era?

Se confermata la notizia segnerebbe una specie di svolta nel settore dell’€™e-commerce, tanto più perché arriva in un momento in cui le preoccupazioni sulla validità  della scelta di chi fa commercio on line sono aggravate da una crisi del settore che non vede ancora la luce in fondo al tunnel.
Si tratterebbe di una sorta di ‘€œmedicina’€ psicologica buona per tutti: il mercato, gli investitori e gli imprenditori.
Stiamo parlando della possibilità  che Amazon riesca a postare un trimestre in positivo, una voce che si aggira insistente tra gli osservatori che stanno attendendo la dichiarazione fiscale del trimestre con grande ansia.
Secondo le indiscrezioni, in realtà , si tratterebbe più che di un ‘€œvero’€ profitto di un guadagno che arriva dopo aggiustamenti di bilancio e che esclude diversi costi, ma che, in ogni caso, sarebbe anche un evento storico vero e proprio.
Amazon, probabilmente il più conosciuto sito di vendita su Internet, non ha mai avuto un solo quarto fiscale in positivo dalla sua fondazione, un aspetto che è servito ai detrattori della new economy come una sorta di paradigma intorno al quale declinare l’€™impossibilità  da parte delle aziende che operano solo su Internet di avere un futuro reale. ‘€œSe non ci riesce Amazon ‘€“ si diceva e si dice ‘€“ che investe decine di milioni di dollari, che ha migliaia di vendite al giorno, che è conosciuta universalmente, chi potrà  riuscire a fare soldi con la rete?’€
Si comprende quindi come in molti attendano le dichiarazioni ufficiali di Amazon; se la società  di Bezos riuscirà  ad arrivare al profitto, anche se solo ‘€œpro forma’€, come si dice a Wall Street, potrebbe cominciare la risalita vera del titolo (che ha raggiunto i minimi nei mesi scorsi dopo l’€™euforia degli esordi) e dare un pizzico di fiducia al mercato. Questo nonostante il futuro resterà  ancora difficile e nebbioso