Anche Grokster saluta e se ne va

di |
logomacitynet696wide

Grokster non distribuirà  più il software per il P2P che l’€™ha reso popolare nel mondo dello scambio di file. Accordo con gli avvocati delle case discografiche che hanno portato in tribunale lo sviluppatore. E’€™ la terza vittima illustre, dopo WinMX ed edonkey, del pugno di ferro della RIAA.

Grokster, un tempo uno dei più popolari network per il peer to peer, sospenderà  la distribuzione di software che permette lo scambio di file musicali in rete. La decisione è giunta al termine di un percorso legale che, dopo essere passato per una sentenza della Corte Suprema che ha decretato che i network per il peer to peer possono essere ritenuti sanzionabili se i loro utenti si scambiano file coperti da copyright, segna di fatto la fine di Grokster, almeno come è stato conosciuto fino ad oggi.

La decisione di sospendere la distribuzione del client è frutto di un accordo mediato con gli avvocati della RIAA, la potente associazione delle case discografiche che hanno portato Grokster in tribunale.

Il network prossimamente entrerà  nell’€™orbita di Mashboxx LLC, una società  che si occupa di vendere musica on line e che dovrebbe lanciare un servizio simile ad iTunes.

Grokster è solo l’€™ultima ‘€œvittima’€ della stretta di vite imposta dalla RIAA. Solo alcune settimane eDonkey e WinMX avevano già  cessato la loro attività .