Anche iPhoto utilizzerà  Rendezvous?

di |
logomacitynet696wide

Ad un’attenta analisi dei file che compongono l’applicazione, sembra proprio che anche iPhoto, come una prossima versione di iTunes, supporterà  la tecnologia Rendezvous per la condivisione in rete delle proprie fotografie.

Steve Jobs aveva mostrato la scorsa estate una versione preliminare di iTunes che supportava la tecnologia Rendezvous di Mac OS X 10.2, permettendo di condividere in rete locale la propria libreria musicale e di ascoltare su un altro Mac in streaming, ad esempio via Airport.

Questa versione di iTunes era stata annunciata come disponibile nel 2003, ad oggi non è stata ancora rilasciata ma molti segnali fanno pensare che lo sarà  a breve, magari con il rinnovo della gamma iPod e con il presunto servizio musicale online che Apple potrebbe offrire.

Un’altra applicazione sembrerebbe andare nella stessa direzione per la condivisione dei propri file sulla rete, ossia iPhoto.

Questa ipotesi nasce dal “ritrovamento” di alcuni file nelle risorse di iPhoto. Infatti, mostrando i contenuti del pacchetto di iPhoto, nella cartella Resources ci sono due icone, denominate “album_network.tif” e “library_network.tif”, che rimandano chiaramente ad una condivisione in rete dei propri album fotografici.
Tra l’altro il colore verde di queste due icone è lo stesso delle librerie condivise di iTunes mostrate dallo stesso Steve Jobs diversi mesi fa.

E’ lecito dunque pensare che anche iPhoto prenderà  la stessa strada di iTunes per la condivisione in rete tramite la tecnologia Rendezvous.

Non è la prima volta che Apple lascia dei piccoli indizi, non sappiamo se voluti o meno, su possibili sviluppi futuri di un’applicazione.
Pensiamo ad esempio alle icone di una videocamera e di un microfono nelle risorse di iChat (nel percorso /System/Library/PrivateFrameworks/InstantMessage.framework/Versions/A/Resources/), o di altri file dell’applicazione (Localizable.strings, o nei file .nib dell’interfaccia) che hanno fatto chiaramente pensare ad una prossima versione che supporterà  la videoconferenza.
Peraltro lo stesso Jobs in una recente intervista aveva confermato che ci sarebbero state novità  in tal senso.

Non resta che aspettare per vedere se queste novità  ancora nascoste faranno la loro comparsa come singoli aggiornamenti o (come probabile) verranno inclusi in Panther.

[A cura di Daniele Volpin]