Ancora sorrisi dal mondo dell’IT

di |
logomacitynet696wide

Dopo Intel e AMD anche Microsoft e IBM fanno segnare un trimestre tuttosommato positivo. Ma tutti invitano ancora alla cautela

Proseguono i segnali positivi dal mondo finanziario per quanto riguarda l’informatica.
Dopo i dati confortanti postati da Intel, AMD e Apple nella giornata di ieri anche Microsoft e IBM, tra i maggiori protagonisti del comparto, hanno superato in maniera positiva l’esame del trimestre fiscale.
Big Blue ha fatto segnare profitti per 2,3 miliardi di dollari con un fatturato di 22,8 miliardi di dollari. Meno dello stesso periodo dello scorso anno ma un centesimo in più per azione di quanto avevano previsto gli analisti. IBM ha poi praticamente pareggiato il bilancio che era stato preventivato: 85,9 miliardi di dollari contro 86,9 miliardi di dollari. Per IBM l’unico fattore realmente negativo è il calo delle vendite nel settore dei PC che ha accusato una riduzione del 22% rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno.
Microsoft ha invece fatto segnare profitti per 2,28 miliardi di dollari, anche in questo caso leggermente di sotto dello scorso anno ma con un guadagno per azione più alto rispetto a quello previsto dagli analisti: 49 cents contro i 43 del consensus. Ad aiutare il bilancio il grande numero di licenze di XP, MSN e il lancio di X-BOX. XP, in particolare, ha registrato 17 milioni di licenze agli OEM dallo scorso 25 ottobre. Per capire la dimensione del successo si tratta del 300% in più rispetto a Windows 98 e 200% in più di Windows Me. Le X-BOX vendute sono state in tutto 1,5 milioni.
Anche Compaq, che resta uno dei maggiori produttori mondiali di PC, è tornata in positivo anche se solo di 92 milioni di dollari. LO stesso trimestre dello scorso anno si era chiuso con perdite per 952 milioni di dollari.
Tutti i protagonisti, però, avvertono gli investitori di assumere con prudenza la ripresa delle ultime settimane. Il futuro potrebbe infatti dimostrarsi molto più avaro di soddisfazioni rispetto al recente passato. Come dire che possibili scivoloni sono ancora possibili ma che, soprattutto, il mondo PC continua a navigare a vista.