Apple blocca il Jailbreak (nei suoi negozi)

di |
logomacitynet696wide

Apple dice stop allo sport nazionale degli americani: sbloccare un iPhone demo di un Apple Store. Chi prova a visitare la pagina del Jailbreak dentro ad uno dei negozi viene rinviato alla pagina di Apple.com. In attesa che gli ingegneri di Cupertino chiudano la falla che permette di fare l’operazione.

Apple non ha ancora chiuso la falla nel visore PDF di Safari per iOS che consente di applicare il jailbreak semplicemente visitando un sito Internet, ma sta già impedendo di applicare lo sblocco ai dispositivi “demo” nei suoi Apple Store. A riferirlo sarebbero diversi clienti che hanno provato a visitare la pagina ad hoc (www.jailbreakme.com) all’interno di uno dei tanti negozi americani venendo ridirezionati a www.apple.com.

La ragione per cui Apple ha deciso di impedire di applicare il jailbreak ai suoi telefoni è del tutto intuibile ma dietro a questa politica c’è non solo la volontà di tenere intatto il software del dispositivo, ma anche quella di bloccare una specie di sport nazionale: il jailbreak dei telefoni in Apple Store.

La portata del fenomeno è facilmente riscontrabile facendo una ricerca su Youtube; sono decine e decine i filmati di gente che è entrata in un Apple Store solo per sbloccare uno dei telefoni disponibili al pubblico, approfittando della facilità con cui si può ora svolgere questa operazione. In alcuni casi, come nel filmato che pubblichiamo poco più sotto, lo sblocco è avvenuto anche in presenza di un addetto dello store che non si è accorto di nulla.

Apple per deviare il traffico usa un sistema di inoltro del DNS; quando incontra l’indirizzo in questione e risolve l’IP, devia la chiamata ad Apple.com. In alcuni casi è stato semplicemente usato un filtro sullo stesso DNS; provando ad accedere a Jailbreakme.com non si ottiene alcun servizio.

Ricordiamo che Apple è al lavoro su un sistema che chiuderà in maniera permanente e definitiva la falla, impedendo a Safari di scaricare il PDF che si occupa di sbloccare iPhone. Al momento non ci sono però informazioni su quando questo avverrà, anche se i tecnici di Cupertino sono sotto pressione da parte dell’opinione pubblica e della comunità degli esperti di sicurezza, potrebbero accelerare le procedure di rilascio dell’aggiornamento.