Apple: il trimestre che doveva essere da record è da super-record

di |
logomacitynet696wide

Il trimestre di Apple doveva essere da record ma invece Cupertino fa il super-record: venduti più di 37 milioni di iPhone e più di 15 milioni di iPad. Fatturato stellare: più di 46 miliardi di dollari con profitti per più di 13 miliardi.

Record doveva essere e record è stato, ma che il record fosse di queste proporzioni neppure i più ottimisti l’avevano immaginato. Apple per il trimestre che si è concluso a fine dicembre, scrive 46,33 miliardi di euro di fatturato, 13,06 miliardi di profitto, 13,87 dollari per azione, dati largamente superiori non solo a quelli tradizionalmente conservatori, previsti da Apple (37 miliardi di fattuarato, profitto per 9,3 dollari per azione) ma anch a quelli assai più ottimistici degli analisti  che puntavano a vendite tra i 39,23 e i 43,14 miliardi di dollari.

Ad arricchire le casse di Cupertino sono stati soprattutto gli iPhone. Il cellulare, il cui ultimo modello è ancora in corso di lancio su vari mercati mondiali in queste settimane, ha messo a segno vendite del 128% in più dello scorso anno, 37,04 milioni di pezzi  (le previsioni di Wall Street erano tra i 30,25 milioni e i 33,35 milioni); Apple ha venduto ben più dello scorso anno quando erano stati 17,07 milioni. Gli iPad sono stati 15,43 milioni (previsti tra i 13,29 milioni e i 14,63 milioni), il 111% in più dello scorso anno; nel resoconto del gennaio 2011 furono 7,33 milioni. I Mac sono stati 5.2 milioni (4,13 milioni a fine 2010) secondo gli analisti dovevano essere tra i 5,09 e i 5,24 milioni; gli iPod continuano a cedere terreno. Apple ne ha venduti 15,4 contro i 19,45 milioni dell’anno passato. Ma gli analisti avevano stimato potessero essere tra i 13,62 e i 14,43 milioni.

Un commento ai dati presentati alcuni minuti fa mediante un comunicato stampa, arriverà nel corso della presentazione dei risultati, prevista a partire dalla 23 via QuickTime a partire da questo link. Macitynet fornirà un resoconto sugli elmenti salienti che emergeranno durante la conferenza.