Apple Store Usa: possibile fare regali a chi risiede all’estero

di |
logomacitynet696wide

Apple Store Usa segue le orme dei negozi europei: possibile usare il proprio account per fare un regalo a chi risiede all’estero. Prodotti Mac acquistabili in 20 differenti paesi. Ma per gli Europei restano in vigore le regole dell’autunno: libera circolazione dei presenti Mac solo nel vecchio Continente e niente invio negli Usa o altrove nel mondo.

Apple allarga le maglie per i clienti americani di Apple Store che ora possono comprare su negozi esteri prodotti da inviare ad amici, parenti e conoscenti che non abitano negli Usa.

Il sistema con cui funzionano le nuove procedure è lo stesso applicato per i clienti europei che già  dallo scorso ottobre hanno avuto la stessa possibilità . In pratica chi risiede negli Usa può usare il suo account per fare un ordine sugli store di 20 paesi (tra cui tutti quelli europei più Messico, Indonesia, Filippine e Thailandia) per fare spedire quello specifico prodotto ad un residente nella nazione dove è stato inoltrato l’ordine. Ad esempio un residente negli Usa può acquistare un Mac sullo store Italiano da far spedire ad un residente in Italia. In precedenza per gli americani era impossibile fare una simile operazione.

La stessa opzione di “regalo all’estero” viene aperta ai residenti di altre nazioni ma con differenti restrizioni. Ad esempio in Indonesia, Malesia, Filippine, Thailandia, Singapore, è possibile seguire le stesse procedure nei cinque paesi del Sud Est Asiatico o inviare il regalo negli Usa ma non in Europa. Dal Messico, pure incluso tra i paesi dove gli Americani possono inviare regali, non è invece possibile inviare regali in nessun altro paese del mondo.

Per l’Europa restano in vigore le stesse regole che valevano lo scorso autunno. Quindi regali liberi (come si vede chiaramente dall’elenco) nei 15 paesi (Austria, Danimarca, Germania, Norvegia, Regno Unito, Svizzera, Belgio, Finlandia, Irlanda, Olanda, Spagna, Francia, Italia, Portogallo e Svezia) ma non al di fuori di essi. Niente, quindi, regali invitati negli Usa, in Messico o in Sud Est Asiatico, né da questi paesi (Usa esclusa), come accennato, verso l’Europa.