Apple cerca visibilità  negli Hot Spot?

di |
logomacitynet696wide

Apple offre un posto di lavoro ad un ‘€œevangelista del WiFi’€ in Inghilterra. Sta per partire in Gran Bretagna una campagna di visibilità  in hot spot pubblici di prestigio?

Apple intende lanciare una campagna commerciale per rafforzare l’€™immagine dei suoi portatili nel crescente mercato del wireless? Il sospetto sorge scorrendo la serie di offerte di lavoro presentate dalla Mela.

Nell’€™apposita pagina Web, che spesso fa trapelare interessanti indizi sulle manovre in atto a Cupertino, è infatti comparso in questi giorni un annuncio in base al quale si ricerca una figura il cui scopo sarà  quello di ‘€œincrementare il profilo di Apple nel mercato di AirPort’€. L’€™obbiettivo, si apprende dall’€™annuncio di offerta di lavoro, sarà  quello di ‘€œcoordinare l’€™apertura di HotSpot in luoghi di prestigio ai quali Apple fornirà  il suo supporto’€. La sede di lavoro sarà  l’€™Inghilterra, uno dei paesi dove gli Hot Spot pubblici per il WiFi sono più comuni.

Pur non essendo il ruolo di questa sorta di ‘€œevangelista di WiFi’€, non totalmente chiaro, sembra di intuire che l’€™intenzione di Apple sia quella di affiancare il suo nome e la sua esperienza alle realtà  che operano nel campo degli hot spot pubblici fornendo know-how e informazioni sul Mac e, in un tempo, cercando e offrendo visibilità .

Si può anche immaginare che i marchio di Apple possa apparire in qualche forma sui cartelli che indicano la presenza di un hot spot, segnalando la compatibilità  con i portatili di Cupertino.

Questo consentirebbe ai gestori di hot spot di avere l’€™interesse da parte dei possessori di hardware Mac e agli utenti Mac di avere hot spot pubblici che conoscono e forniscono supporto al Mac, dall’€™altra parte ad Apple di essere visibile e presente in location come musei, alberghi di prestigio, stazioni ferroviarie e luoghi ad ‘€œalto valore aggiunto’€.