Apple dice no a Google Voice su App Store

di |
logomacitynet696wide

Cupertino ha negato l’approvazione a Google per la sua applicazione Google Voice, che avrebbe dovuto trovare spazio su App Store. Decisione presa da Apple o da AT&T?

Ancora una volta la scure di Apple (ma forse a controllare “l’arma” è qualche esterno alla società ) è scesa su un’applicazione dell’App Store; non un’applicazione qualsiasi: parliamo di Google Voice, software sviluppato da Mountain View per supportare l’omonimo servizio telefonico già  disponibile negli USA.

Google aveva sottoposto l’applicazione ad Apple circa da circa sei settimane e solo oggi è arrivato il no di Apple. Sconsolato, un portavoce di Google ha dichiarato che la società  sta tentando di portare Google Voice sulla maggioranza degli apparati mobile, incluso proprio l’iPhone.
In seguito al no di Apple, Google tenterà  l’escamotage della web app per riuscire a dare agli utenti la possibilità  di sfruttare Google Voice.

Dopo l’annuncio, si sono susseguite alcune speculazioni sulla vera responsabilità  della censura.

Il sospetto è che a prendere la decisione sia stata AT&T, preoccupata per un servizio concorrente agli interessi del carrier ed alcune voci ed indizi sembrerebbero confermare questa ipotesi. Altrove nel mondo sarebbero stati proprio gli operatori a chiedere, ad esempio, che Skype non funzioni su rete 3G ma solo su Wifi.

Altre opinioni invece, giudicano contraddittorio sostenere che possa essere stata AT&T a richiedere tale rifiuto: non si spiegherebbe la presenza della stessa applicazione per BlackBerry, dispositivi che vengono utilizzati senza problemi su rete AT&T.

La stessa AT&T, contattata per commentare l’accaduto, ha risposto che Apple è la sola a poter parlare a proposito del suo App Store. Il tono dell’affermazione non rende particolarmente chiaro se si sia di fronte ad “no comment” o all’intenzione di scaricare la patata bollente nelle mani di Cupertino.

L’unica coas sicura è che questa è la seconda applicazione Google dopo Latitude (disponibile solo via web) a non trovare la strada di App Store.