Apple: “iPad arriva a fine marzo”

di |
logomacitynet696wide

Apple risponde, indirettamente, alle voci di problemi di produzione per iPad: “disponibile a fine marzo”, dice Cupertino. Ma non è chiaro quanti iPad saranno disponibili e i mercati dove sarà possibile comprarlo. Intanto emergono due date possibili per il lancio: 19 marzo o 23 marzo.

‘€œiPad sarà  disponibile da fine marzo’€. Questa la sintetica e non troppo esplicativa dichiarazione rilasciata da Apple questa sera, in riposta alle indiscrezioni su presunti difficoltà  di produzione che correrebbero il rischio di ridurre in maniera considerevole la disponibilità  del dispositivo nei giorni del lancio. A raccogliere la stringata replica è stato Wired, che la cita nel contesto di un articolo dove dà  conto anche delle supposizioni avanzate da Peter Misek, analista di Canaccord Adams, sui ritardi delle linee di assemblaggio.

Che non si tratti di una dichiarazione risolutiva lo si intuisce ripercorrendo le dichiarazioni di Misek che non ha detto che iPad non sarà  disponibile a marzo, ma solo che le quantità  promesse non saranno rispettate e che quindi la disponibilità  nei canali sarà  ridotta, tanto ridotta che potrebbe non essere messo in vendita da subito al di fuori dagli Usa. Il fatto che Apple ribadisca che iPad sarà  disponibile a marzo, dunque, non suona come contraddittorio rispetto alle voci citate dall’analista di Canaccord.

D’€™altra parte che iPad arrivi nei negozi entro fine mese è dato per molto probabile anche da altre fonti. I responsabili dei negozi Apple durante una riunione il 21 febbraio avrebbero avuto notizia, dice 9to5Mac, di un ‘€œlancio a meno di un mese’€, il che farebbe supporre in un lancio per venerdì 19 marzo (venerdì è uno dei giorni preferiti da Apple per l’€™introduzione di prodotti a grande impatto) o forse al più tardi martedì 23 marzo. Anche qui non si sarebbe di fronte ad una contraddizione rispetto alle affermazioni di Misek; la possibilità  di acquisto in quella data potrebbe, infatti, essere riservata ai soli clienti americani.