Apple interessata al Wi-Fi gratis

di |
logomacitynet696wide

Steve Jobs potrebbe essere interessato a FON, società  che ha sviluppato un’interessante tecnologia per il wi-fi condiviso e gratuito. Nonostante possibili scenari all’orizzonte, tutto resta ancora nel campo delle ipotesi.

Apple è sempre stata in prima linea per la tecnologia Wi-Fi; basti pensare ai primi iBook a conchiglia con scheda Airport incorporata o agli ultimi nati, iPhone e iPod touch, dispositivi “Wi-Fi oriented”.
Alcune indiscrezioni di AppleInsider confermerebbero ancor più questo interesse: secondo il sito, Steve Jobs avrebbe incontrato ad inizio mese Martin Varsavsky, deus ex-machina del servizio FON.

Per chi non lo conoscesse, FON, sotto lo slogan “WiFi for everyone”, popone una particolare tipologia di business: distribuisce ai suoi utenti speciali router wireless, capaci di dividere la connessione in due distinte linee. La prima è una linea privata, utilizzata all’utente per la sua personale navigazione; la seconda è una linea pubblica, che consente di condividere la connessione con altri “Foneros” iscritti al servizio.

Lanciato nel 2005, FON è cresciuto rapidamente, creando una vera e propria comunità  Wi-Fi mondiale all’interno della quale gli iscritti possono sostenersi l’un l’altro.
Sempre dando per buone le informazioni di AppleInsider, Jobs avrebbe tenuto un incontro con Varsavsky per discutere proprio di FON, lasciando intendere un certo interesse dell’iCeo per la tecnologia, ed un buon riscontro per ciò che concerne l’esito del meeting, definito “positivo” da Varsavsky.

Apple stessa, d’altra parte, è già  impegnata sul wi-fi con la sua tecnologia AirPort, ma non è comunque da escludere che Steve Jobs decida di abbracciare il modello di FON, sicuramente interessante per dispositivi come iPhone e iPod touch, o gli stessi Mac portatili.

Proprio questo mese FON ha stipulato un accordo con British Telecom, per portare la tecnologia sui suoi router; apertura significativa, che rende bene l’idea sul richiamo di tale servizio e che potrebbe dare un’importante spinta al mercato di FON nel Vecchio Continente.