Apple lavora ad un tablet?

di |
logomacitynet696wide

Apple secondo alcune fonti starebbe lavorando ad un micro-portatile. Tra le caratteristiche HDD ibridi con memoria flash e schermo sensibile al tocco.

Apple sta preparando un computer ultraportatile? L’€™analista di Ubs Investment Research Ben Reiteze crede di sì. A confermare il fatto che Cupertino sta lavorando ad un prodotto che potrebbe essere simile ad Origami o ad un Tablet sarebbero contatti con alcuni settori dell’€™industria interessati, probabilmente in qualità  di fornitori, dalla produzione del dispositivo.

Secondo Reitzes uno degli elementi di maggior interesse nel dispositivo sarebbe l’€™uso di memorie Nand per accelerare i tempi d’€™avvio della macchina. Tradotto in termini pratici questo significa che a giudizio dell’€™analista Cupertino sta puntando sulla tecnologia con Hd ibridi, ovvero macchine che hanno al posto del tradizionale disco fisso un supporto di memorizzazione misto, piatti magnetici e memorie flash nei quali questa ultima componente archivia i dati usati più frequentemente dalla macchina. In questo modo il computer, data la maggior velocità  d’€™accesso delle memorie flash, è in grado di svolgere operazioni come l’€™avvio, il riavvio dallo stop e la messa in pausa, in tempi sensibilmente ridotti.

Un’€™alternativa agli Hd ibridi sarebbe Robson, una tecnologia studiata Intel e integrata nei nuovi chipset Santa Clara. In questo caso le memorie flash, che hanno lo stesso scopo di quelle interne agli Hd, sono installate direttamente sulla scheda madre.

In tutti e due i casi, comunque, ad Apple non resterà  che supportare la funzione nel sistema operativo.

Secondo Reitzes Apple potrebbe lanciare l’€™ultraportatile con memorie flash per gennaio, quando si terrà  il Macworld di San Francisco. Se le previsioni dell’€™analista din Ubs Investment Research si dimostrassero esatte Apple potrebbe arrivare così sul mercato con un prodotto simile a quello pianificato da diversi produttori Pc che usano Windows. Come noto Microsoft pensa di introdurre il supporto alla tecnologia Robson e ai dischi ibridi con il lancio di Windows Vista.