Apple, omaggio a Rosa Parks

di |
logomacitynet696wide

Apple modifica la sua home page americana per rendere omaggio a Rosa Parks. La donna di colore che con il suo rifiuto ad alzarsi dal posto che occupava su un bus per cederlo ad un bianco, diede il via al movimento di liberazione degli afroamericani, è morta due giorni fa.

Un omaggio a chi lotta per i diritti civili. Si può interpretare in questo modo la scelta di Apple di dedicare la prima pagina del sito americano alla memoria di Rose Parks.

La donna di colore, considerata tra coloro che hanno contribuito al risveglio della coscienza degli afroamericani americani, guidandoli ad acquisire i pieni diritti nella società , è scomparsa il 24 ottobre a 92 anni, suscitando grande commozione. La sua notorietà  è dovuta al rifiuto, opposto il primo dicembre del 1955, a cedere ad un bianco il posto che occupava su un bus, pratica ritenuta obbligatoria negli stati del Sud fino agli anni ’50. La Parks, che risiedeva a Montgomery in Alabama, non era la prima persona di colore ad essere arrestata per questo “crimine”, ma il suo gesto ebbe grande risonanza visto il ruolo che ricopriva (segretario) della NAACP (National Association for the Advancement of Colored People), un’associazione per la tutela dei diritti degli afroamericani, colpendo l’attenzione di un pastore battista che sarebbe di lì a poco divenuto ben noto: Martin Luther King.

Il gesto della Parks fu al centro di un appassionato sermone che Martin Luther King pronunciò il 5 dicembre e che viene considerato come l’inizio della sua campagna anti segregazione. Il pastore battista invitò, in segno di rispetto e solidarità  nei confronti della donna, a boicottare i trasporti della compagnia di bus. La risposta degli afroamericani di Montgomery, che preferirono andare a piedi, organizzare taxi collettivi e persino usare cavalli e muli invece dei mezzi pubblici, fu totale, suscitando un enorme clamore in tutti gli Stati Uniti e nel mondo. La vicenda arrivò alla corte suprema che in conseguenza di essa decretò l’illegalità  della disposizione che sui mezzi pubblici assegnava ai bianchi posti diversi da quelli assegnati ai neri. Per questa ragione Rosa Parks veniva considerata in un tempo colei che diede il via alla fine della segregazione razziale e l’icona stessa del movimento.

Rosa Parks viene raffigurata sulla home page su un bus, seduta davanti ad un bianco. Apple ha rispolverato anche lo slogan “Think Different”, che mai come in questo caso appare appropriato.

Grazie della segnalazione a Luca Stringara