Apple prende casa in Montenegro (su Internet)

di |
logomacitynet696wide

Il Montenegro ottiene la registrazione di un suo nome di dominio. Il suffisso .me, per le possibilità che offre in termini di giochi di parole, attira l’attenzione di molti dei grandi marchi e tra questi anche Apple che registra apple.me, ipod.me ed itunes.me

Apple prende casa in Montenegro. Lo sbarco nella piccola repubblica, ultimo (in ordine di tempo) stato a dichiararsi indipendente al mondo, non avviene, almeno per ora, con una filiale locale o con la costituzione di una unità  di vendita, ma presso la locale autorità  per la registrazione dei domini Internet. Cupertino, infatti, è stata tra le prime e già  molte realtà  del commercio e specialmente dell’€™It che hanno deciso di approfittare dell’€™allettante suffisso .me, che caratterizza i siti montenegrini.

“Le estensioni .me – dice Roland LaPlante, senior vice president e responsabile del marketing di Afilias, la società  che gestisce le vendite dei domini .me – offrono a ogni azienda del pianeta la possibilità  di personalizzare i propri marchi…per renderli più visibili ai teenager che utilizzano il Web. Le aziende dovrebbero registrare nomi .me non solo per la protezione delle proprietà  intellettuali, ma anche perché esiste una grande opportunità  per personalizzare i prodotti”. Difficile contraddire le affermazioni di LaPlante se si pensa come potrebbe suonare un marchio tipo apple.me o itunes.me, un riflessivo che richiama alla mente un segno di personalizzazione e di identificazione molto personale. E non a caso Apple ha scelto di registrare proprio apple.me, itunes.me e ipod.me. Nella scia di Apple anche altre realtà  come Microsoft, Skype, Digg infine fuori dall’IT anche MTV e BMW, ma le domande di registrazione presentate già  nella prima settimana di disponibilità  del nuovo dominio .me sono migliaia.

Oltre a tutti i paesi anglofoni il suffisso .me risulta intuitivo e di immediata comprensione per la diffusione planetaria dell’inglese ma anche per altri Paesi quali la Iugoslavia, Spagna e anche l’Italia, dove “me” ha un significato simile. Il successo dell’assegnazione dei domini è scontato e tutti concordano nell’affermare che supererà  di gran lunga la corsa alle registrazioni scatenata dal lancio dei domini .tv. I fatti risalgono a qualche anno fa quando la piccola isola-nazione di Tuvalu diede inizio alla vendita dei domini nazionali .tv suscitando l’interesse di stazioni ed emittenti televisive su scala planetaria.

Il fascino universale del suffisso .me non è certo sfuggito ai responsabili e addetti ai lavori che hanno stabilito prezzi decisamente più elevati rispetto a qualsiasi altro dominio, seppur importante e internazionalmente accettato. Il prezzo di vendita di un singolo dominio .me varia tra i 110 e i 200 euro per un anno con l’obbligo di un acquisto minimo di 5 anni. Un prezzo decisamente sostenuto se pensiamo che un dominio .com è acquistabile con solamente 10 dollari all’anno, circa 6,5 euro, mentre il suffisso .tv costa c18 dollari annuali, poco meno di 12 euro. Aziende, multinazionali e detentori di marchi possono registrare domini .me fino al 20 maggio, mentre l’acquisto per i singoli privati inizierà  il 6 giugno fino al 26 dello stesso mese. La data di inizio funzionamento per i primi indirizzi .me è prevista per il 17 luglio.