Apple rifiuta l’emulatore di Commodore 64 su iTunes App Store

di |
logomacitynet696wide

Un interessante e completissimo emulatore di Commodore 64 per l’iPhone/iPod Touch è stato rifiutato dall’App Store. Il software sarebbe stato stato respinto poiché le clausole dell’SDK indicano esplicitamente l’impossibilità  di avviare codice eseguibile.

Un completo emulatore di Commodore 64 per l’iPhone/iPod Touch è stato rifiutato dall’App Store. Apple afferma che il software è stato respinto poiché le clausole dell’SDK indicano esplicitamente l’impossibilità  di avviare codice eseguibile. L’emulatore (il cui futuro è dunque incerto) permette di riprodurre tantissimi classici storici, emulando il SID (il chip che si occupa dell’audio), mette a disposizione funzionalità  di salvataggio automatico, può funzionare orizzontalmente e verticalmente, emula il joystick e la tastiera del C64.

L’autore aveva avuto assicurazioni dalla sede europea di Apple che il prodotto non creava problemi e anzi – a suo dire – la casa di Cupertino era molto eccitata dall’idea di questo prodotto; a seguito delle rassicurazioni di Apple, lo sviluppatore si è adoperato per ottenere le licenze da alcuni produttori dei giochi da includere di serie con l’emulatore (l’idea era di includere di serie tre giochi regolarmente licenziati) ma dopo aver seguito la trafila per ottenere l’autorizzazione a distribuire l’applicazione, l’autore si è visto recapitare un’email nella quale in sostanza Apple rifiuta il software poiché lo stesso viola alcuni dei punti dell’accordo presente nel kit di sviluppo.

L’autore è giustamente molto frustrato dall’aver investito molto del suo tempo inutilmente, per un prodotto che non è stato accettato e fa notare che Apple ha in passato accettato applicazioni simili: l’emulatore CHIP-8, emulatori di calcolatrici programmabili di vario tipo, Frotz (l’interprete Z-machine, macchina virtuale per avventure testuali) e giochi quali Golden Axe e Sonic (questi ultimi non sono altro che emulatori impacchettati per eseguire una singola ROM).


[A cura di Mauro Notarianni]