Apple vende 5milioni di iPhone a China Unicom per 1,46 miliardi di dollari?

di |
logomacitynet696wide

Con il primo immenso ordinativo di iPhone, China Unicom avrebbe acquistato da Apple 5milioni di smartphone versando a Cupertino 1,46 miliardi di dollari. Se la notizia dovesse essere confermata, per il primo singolo lotto la Cina da sola genera un valore e un quantitativo ottenuto da Apple nell’intero trimestre del lancio a livello mondiale.

Nelle casse di Cupertino sono recentemente entrati 1,46 miliardi di dollari, questo è il corrispettivo che China Unicom avrebbe versato ad Apple per il primo, immenso ordinativo di smartphone della Mela pari a 5milioni di pezzi. La notizia emersa dai media cinesi è stata riportata dall’International Business Time. Se la notizia dovesse essere confermata si tratterebbe di una delle singole vendite più consistenti di smartphone ad un operatore.

Sempre secondo le indiscrezioni che trapelano dal’oriente i dettagli per la commercializzazione di iPhone nel più vasto e uno dei più promettenti mercati mondiali sono stati definiti tra Apple e China Unicom che inizierà  a vendere iPhone a partire dal mese di settembre. Dalle dichiarazioni rilasciate dai dirigenti dell’operatore si apprende che iPhone ha superato senza problemi test relativi alla batteria, al collegamento di rete e resistenza hardware.

Secondo le dichiarazioni di un dipendente anonimo della catena Carrefour presso cui iPhone sarà  commercializzato in Cina, per poter accedere all’immenso mercato locale Cupertino avrebbe rinunciato alla politica di condivisione degli utili, spuntando però un favorevole prezzo unitario di acquisto da parte di China Unicom. L’operatore intende proporre il modello da 8GB a 2,400 yuan, mentre il 16GB a 4800 yuan: analisti e osservatori sostengono che in questo modo Apple è in grado di ottenere un profitto consistente per ogni iPhone, pari a circa 1.000-1.100 yuan, all’incirca 150 dollari.

Le concessioni di Apple a China Unicom sono comunque considerate dagli osservatori come un ottimo investimento che permetterebbe alla Mela di approdare finalmente nell’affollato e promettente mercato cinese. Se la notizia fosse confermata con il solo primo ordinativo di 5 milioni di pezzi, China Unicom ha generato per Apple la vendita di un quantità  di pezzi praticamente identica a quella registrata da Cupertino nel trimestre di lancio di iPhone a livello mondiale, pari a 5,2 milioni di iPhone.