Australia: con l’€™iPod si impara di più

di |
logomacitynet696wide

A Melbourne si sperimentano nuove soluzioni educative con i player della Mela in prima linea. Risultato: in sei mesi le pagelle dei ragazzi coinvolti mostrano un miglioramento.

Lo strumento di apprendimento del futuro? l’€™iPod! Questo sarebbe il sorprendente risultato raggiunto da un test effettuato in Australia.

Nonostante l’€™istituzione scolastica veda i dispositivi portatili come iPod, palmari o cellulari, una fonte di distrazione da parte degli studenti, l’€™esperimento effettuato presso il Heathmont Secondary College di Melbourne dimostrerebbe come il player della Mela, se usato con cognizione di causa, può addirittura migliorare il rendimento scolastico degli studenti.

Nel caso specifico un gruppo di studenti di otto anni hanno sperimentato per sei mesi l’€™utilizzo dei lettori di Apple, in congiunzione a molte attività  di comunicazione e apprendimento legate al programma scolastico.
Le ‘€œpagelle’€ hanno dato ragione a chi era ottimista sull’€™influenza positiva degli iPod.

Di sicuro la costante evoluzione del player della Mela consentirà  sempre una maggior possibilità  di integrazione all’€™interno di programmi educativi; si pensi solo alle capacità  wi-fi possedute da iPod touch e iPhone, decisamente sfruttabili da una struttura scolastica tecnologicamente avanzata.

Le comunicazioni potrebbero essere distribuite via e-mail, i programmi di insegnamento annuali direttamente inviati ai dispositivi, essere accessibili in rete via YouTube o attraverso apposite ‘€œweb-app’€, create ad hoc per gli scopi prefissati.
Tutto sta nelle capacità  delle istituzioni di cogliere le potenzialità  di questi dispositivi e nel saperle sfruttare al meglio.