Autunno caldo per Linux

di |
logomacitynet696wide

L’autunno si annuncia come foriero di numerose novità  per il mondo Linux. Vediamo quali

L’autunno si preannuncia caldo per Linux, che si conferma come il sistema operativo più in fermento: si susseguono serrati gli annunci di nuove versioni delle varie distribuzioni del sistema operativo del pinguino.

Le ultime notizie (selezionando solo quelle più interessanti per un utente finale) sono le seguenti

– è uscita l’ultima beta (liberamente scaricabile) prima della release finale di Mandrake 9, la distribuzione francese nota per la sua semplicità  di installazione e uso.

– è stata annunciata per il 7 Ottobre la versione 8.1 di SuSE, una distribuzione tedesca particolarmente curata e dotata di Yast, un ottimo software per la gestione del sistema.

– la chiacchierata Lindows ha rilasciato la versione 2.0 della propria distribuzione, che dovrebbe contenere una serie di migliorie per quanto riguarda il supporto e la gestione delle periferiche

– Xandros ha rilasciato la terza beta del suo linux per il desktop. Xandros è l’erede della sfortunata esperienza di Corel con Linux, e si preannuncia come una delle distribuzioni più importanti per il mercato home-small office.

– ieri vi abbiamo già  accennato alle novità  di Null, la nuova versione della famosa RedHat, di si stanno avvicendando le varie beta (liberamente scaricabili), ormai in dirittura di arrivo.

– sempre ieri vi abbiamo parlato del prossimo desktop di Sun, che sarà  equipaggiato con Linux, nella fattispecie si tratterà  di una RedHat modificata ad hoc.

E’ da notare il grande affollamento di distribuzioni commerciali che puntano ad un ruolo di primo piano nel mercato desktop, anche se, paradossalmente, fino ad oggi proprio questo segmento è storicamente quello in cui gli operatori di Linux faticano a guadagnare. Oltretutto quasi nessuno di loro è impegnato in prima persona nella innovazione o nella introduzione di migliorie ai vari desktop manager, ma si appoggia con pochissime modifiche ai vari KDE e Gnome.
[A cura di Marco Centofanti]