Babylon 2008 traduce anche su Mac OS X

di |
logomacitynet696wide

Il popolare software di traduzione per PC finalmente disponibile anche in versione Mac.

Anni e anni d’insistenti richieste da parte dei tanti Mac user sparsi per il mondo hanno finalmente fatto sì che Babylon rilasciasse i suoi apprezzati dizionari e utility di traduzione anche per la nostra piattaforma.

Per chi non lo conoscesse, ricordiamo che si tratta di un rinomato software di traduzione presente sul mercato da più di 10 anni, con ben 50 milioni di utenti registrati. La casa produttrice del programma ha negli anni sviluppato molte collaborazioni con importanti editori internazionali e creato un applicativo utile in molti ambiti.

E’ possibile tradurre testi da 75 lingue e/o le singole parole o frasi, attivare plug-in compatibili con vari software, accedere all’enciclopedia Wikipedia (le varianti in 18 lingue), disporre dei dizionari delle principali case editrici quali: Britannica, Oxford, Oxford-Paravia, Merriam Webster, Pons, Larousse, Langenscheidt, Taishukan, Michaelis, Van-Dale e tanti altri.

L’applicativo mette a disposizione anche una funzione di spelling grazie alla quale ottenere soluzioni ai problemi di battitura e formulazione.

Il software è disponibile in due versioni: “Students” (46 euro la versione “boxata”) e “Pro” (62 euro come prezzo di lancio) ma, almeno nel momento in cui scriviamo, non sono indicate sul sito differenze tra le due versioni ne sono presenti versioni dimostrative che permettano di rendersi conto delle potenzialità  del programma. le uniche cose certe sono che l’applicativo è Universal Binary (in grado di funzionare dunque nativamente sia sui Mac con CPU Intel, sia su quelli con CPU PowerPC) e che richiede un Mac con Mac OS X 10.5 “Leopard” per funzionare.

Appena avremo modo di provarlo, vi terremo informati con tutti i dettagli di questo interessante applicativo e cercheremo di scrivere una recensione completa.

[Aggiornamento: il software è disponibile partendo da questa pagina del sito Babylon

[A cura di Mauro Notarianni]