Be querela Microsoft

di |
logomacitynet696wide

Annunciata da tempo, puntualmente arriva la querela di Be contro Microsoft. ‘€œHanno impedito con la forza la diffusione del nostro sistema operativo sulla piattaforma PC’€

Come preannunciato nei giorni scorsi è arrivata la causa di Be contro Microsoft.
Nel corso della giornata di ieri i responsabili della società  che un tempo fu di Gassee, già  uno dei managers più influenti di Apple, e che oggi è stata assorbita da Palm, hanno presentato un esposto volto a recuperare i danni prodotti ‘€œda azioni anticompetitive, volte ad escludere illegalmente Be dal mercato e a mantenere il monopolio di Microsoft nel settore dei PC compatibili con il sistema Intel’€. Be afferma anche che Microsoft ha creato ‘€œaccordi esclusivi con i produttori di PC che proibivano la vendita di CPU con più di un sistema operativo preinstallato’€
I fatti cui si riferisce Be, che inizialmente produceva un sistema operativo compatibile con l’€™hardware Mac, sono da riferire al momento in cui la società  che aveva sede a Menlo Park decise di produrre una versione del suo OS per la piattaforma Intel. Nonostante numerosi sforzi il BeOs non riuscì mai a trovare spazio costringendo prima Be a rifugiarsi nella nicchia dei sistemi operativi per navigatori Internet e PDA, poi a chiudere i battenti vendendo, come accennato, a Palm. Nel contesto di quell’€™accordo Be ha mantenuto alcuni diritti, tra cui anche quello di presentare querele e richiedere danni, diritti che esercita ora contro Microsoft
Ricordiamo che Be ebbe concretamente, nel 1996, la possibilità  di diventare la base del nuovo sistema operativo di Apple. Ma una serie di manovre e di fraintendimenti portò l’€™allora management di Cupertino a scegliere NeXT Step e a far rientrare in società  Steve Jobs.