Biografia non gradita, Apple punisce l’€™editore

di |
logomacitynet696wide

Una biografia non gradita irrita Steve Jobs e dagli scaffali dei negozi Apple spariscono tutti i libri dello stesso editore. Cancellati anche i popolari volumi “For Dummies”

Pubblicare una libro su Jobs non gradito ad Apple, se si è un editore può costare un posto al sole nei negozi di Cupertino.
La sgradita scoperta è toccata a John Wiley and Sons, una realtà  editoriale molto nota nel mondo delle pubblicazioni tecnologiche negli USA, colpevole, secondo quanto riferisce il San Josè Mercury Times, di aver dato alle stampe ad ‘€œiCon Steve Jobs: The Greatest Second Act in The History of Business’€. La biografia, un profilo di Steve Jobs che parte dalle sue prime esperienze nel mondo dell’€™informatica per giungere ai giorni nostri, non sarebbe stato gradito al protagonista che ne avrebbe chiesto la sospensione della pubblicazione. Al rifiuto ricevuto dall’€™editore, la rappresaglia: via tutti i libri di John Wiley and Sons dagli scaffali degli Apple Store.

A raccontare nel dettaglio l’€™evoluzione della vicenda è Kitt Alan, una manager di Wiley e lo stesso autore, Jeffrey S. Young. ‘€œMan mano che procedevamo con la redazione del libro ‘€“ ha detto Alan ‘€“ diventava sempre più chiaro che la sua pubblicazione non era affatto gradita. Recentemente ci era stato detto che tutti i nostri libri di argomento tecnologico sarebbero stati rimossi dalla vendita nei negozi Apple. Ma ovviamente noi stiamo dalla parte degli autori’€.

Young, dicendosi costernato per la decisione di Apple, evidenzia il fatto come il libro, pur essendo una riedizione aggiornata di un vecchio volume che descriveva Jobs come un personaggio insopportabile tracciandone, in definitiva, un profilo negativo, corregge parecchio il tiro. ‘€œLa riedizione ‘€“ dice Young ‘€“ presenta un Jobs maturato che ha fatto tesoro degli errori del passato’€

Tra i libri espulsi dai negozi di Apple in seguito alla vicenda ce ne sono di notissimi. Tra questi tutti i volumi della serie ‘€œFor dummies’€ venduti anche in Italia, come quelli scritti dal popolare Bob LeVitus tra cui il prossimo (e probabilmente molto richiesto) Mac OS X Tiger For Dummies. Non sono più neppure acquistabili i libri di Andy Ihnatko, un altra figura certo non di secondo piano tra gli autori di libri Mac.

Tutti gli autori coinvolti, nonostante le scelte di Apple potranno costare loro del denaro, si dichiarano perfettamente concordi con la decisione di non piegarsi alle richieste di Apple.