Bloomberg dà  Jobs per morto

di |
logomacitynet696wide

Grave svista dall’autorevole Bloomberg: nel sito Web è comparso l’annuncio della morte di Steve Jobs che è rimasto online per alcuni minuti. Il coccodrillo pronto per le situazioni “estreme” non era completo né pronto per la pubblicazione è stato poco dopo rimosso.

“Steve Jobs ha contribuito a rendere i personal computer facili da usare come i telefoni, ha cambiato il modo di fare i film di animazione, ha convinto i consumatori a passare alla musica digitale e ha rinnovato i cellulari” Si tratta delle prime battute del coccodrillo che inavvertitamente Bloomberg ha pubblicato online con, ne siamo certi, non poca sorpresa dei (pochi) lettori che sono stati in grado di leggerlo. L’articolo in lavorazione è ovviamente stato pubblicato per errore e subito rimosso nel giro di pochi minuti.

Nonostante la rapida rimozione dal sito Web, diverse persone e blogger sono riusciti a copiare il testo integrale: si veda per esempio Gawker. Oltre a descrivere le importanti e numerose tappe nella carriere di Jobs, il coccodrillo contiene l’abbozzo dei contatti ulteriori per approfondire la storia tra cui spiccano importanti dirigenti ed ex dirigenti di Apple, amici personali come Steve Wozniack e Larry Ellison di Oracle, collaboratori e persino ex fidanzate.

Naturalmente tutte le principali testate cartacee, TV e anche Web preparano anzitempo i cosiddetti “coccodrilli” articoli che descrivono vita e carriere di personaggi illustri, in modo che sia sufficiente un rapido aggiornamento e intervento nel caso di morte del soggetto in questione. Nel caso di Steve Jobs l’imperdonabile svista risulta ancora più macabra alla luce dei problemi di salute del Ceo di Apple, reali o sospetti che siano.