Boston Globe: Mozilla alla deriva

di |
logomacitynet696wide

Un’idea destinata a rivoluzionare l’universo dei browser, o un progetto balzano, non adeguato ad un settore che vuole stabilità , efficienza e produttività ? La domanda se la pone il Boston Globe riflettendo sulla vicenda di Mozilla e la risposta è sconfortante: il progetto che doveva consegnare in breve tempo un nuovo navigatore, di molto migliore a Internet Explorer, sfruttando le metodologie di lavoro sperimentate su Linux è un fallimento. A due anni di distanza dall’annuncio che presto Netscape avrebbe avuto un successore riscritto da zero e molto più funzionale ed efficiente, Mozilla resta ancora prevalentemente un progetto sulla carta. L’ultima beta, scrive il Boston Globe nella sua rubrica DigitalMass, è penosamente zeppa di bug, da quelli più banali fino ad alcuni da far drizzare i capelli in testa. In più il team che aveva lanciato l’iniziativa si è praticamente dissolto con accuse incrociate tra i suoi componenti. Al suo lancio il progetto Open Suorce di Netscape aveva contribuito da solo a dare credibilità  al movimento che allora muoveva i primi passi e a terrorizzare le superpotenze del software, come Microsoft. Da allora di tempo ne è passato e mentre Nestscape è ora una società  non più indipendente ma controllata da AOL, Mozilla rischia di diventare, secondo il Boston Globe, uno dei progetti più inutili tra quelli che si ricordano.