CES di Las Vegas, Gates sposa (di nuovo) TV e PC

di |
logomacitynet696wide

Si è aperto ieri il CES di Las Vegas. Nel keynote di Bill Gates torna di nuovo in primo piano la volontà  di sposare TV e computer. A fare da tramite un ripensamento del Media Center.

Un nuovo tentativo di abbinare PC e televisore e qualche, meno nuova, informazione sul player multimediale tascabile.

Ecco i principali contenuti del keynote del CES di Las Vegas, la grande fiera dell’€™elettronica di consumo che si è aperta nella notte (ora italiana) a Las Vegas. Ad introdurre l’€™evento, come sempre, è stato Bill Gates che ha approfittato dell’€™occasione per proporre la visione della sua azienda nel campo dei sistemi personali, gadget, video e audio.

In primo piano, come accennato, un sistema per integrare TV e computer.
Denominato “Windows Media Center Extender” si tratta, di fatto, di una revisione e un aggiornamento del ben noto Windows Media Center che consente di vedere sul televisore di casa o ascoltare sullo stereo i contenuti digitali elaborati dal computer.

I dispositivi compatibili con esso si connetteranno ad una rete che farà  da ponte con il PC permettendo la visione di foto, filmati e di ascoltare canzoni elaborate dal computer. Tutti i maggiori produttori di PC, Gateway, dell, HP e alcuni dei protagonisti dell’€™elettronica di consumo come Samsung e Tatung hanno fatto sapere di essere interessati alla tecnologia e di avere intenzione di rilasciare entro la fine dell’€™anno CPU ma anche televisori dotati di essa.

Gates ha poi presentato una versione ‘€œpremium’€ di MSN. Il nuovo servizio Internet è rivolto a coloro che hanno una connessione ad alta velocità  e che offrirà  contenuti video e audio.

Infine è stato annunciato che il primo dispositivo basato sul design di riferimento del Portable Media Center, un sistema da tasca in grado di riprodurre video e audio e pensato per le tecnologie di Microsoft, sarà  in commercio entro la primavera. Lo produrrà  Creative che sarà  seguita da altri concorrenti. Napster ed EMI pensano di vendere contenuti specificatamente pensati per il player.