Calendari e indirizzari per tutti col software di Apple

di |
logomacitynet696wide

Come possiamo mettere a fattor comune i dati del nostro Mac? Se non siamo abbonati ai servizi di .Mac, possiamo sempre usare un piccolo trucco per sfruttare al meglio due applicazioni presenti di serie con Mac Os X.

Semplice e immediato. Praticamente geniale. Dobbiamo mandare a un collega la nostra agenda, per organizzare insieme un lavoro, ma non possiamo pubblicare il nostro calendario online con .Mac o un server Dav? Basta creare un Pdf.

E se invece vogliamo una copia del nostro AddressBook da tenere su una chiave Usb e consultare comodamente anche da un Pc quando il nostro Mac non è portata di mano? Pronto un altro Pdf.

Ma c’è un trucco, perché andando a vedere tra le preferenze di stampa e poi di salvataggio in formato Pdf, che lo ricordiamo avviene di default su tutte le applicazioni di Mac Os X, iCal e AddressBook permettono di sfruttare una opzione in più.

Cominciamo con iCal. Selezionando dai preset Standard la voce iCal, è possibile specificare l’intervallo di stampa che vogliamo nella vista mese e cosa stampare. Il calendario da solo, anche la vista delle cose da fare e l’anteprima dei mesi precedente e successivo? Semplice e immediato. Il risultato è la stampa (o il file Pdf) di una pagina elegante con la sintesi di quello che succede nel periodo in questione. Basta salvare il file, agganciarlo a una email e il gioco è fatto.

cal1

AddressBook consente invece di fare un lavoro un po’ più elaborato. Si comincia selezionando i contatti che vogliamo stampare, dalla colonna di mezzo dove sono indicati i nomi. Una volta selezionati, si dà  la stampa e AddressBook presenta una opzione differente dalle consuete finestre di stampa (alla quale si può peraltro tornare cliccando sul bottone Opzioni Avanzate nel lato basso).

cal 2

E’ presente una anteprima della pagina che verrà  stampata (è possibile anche impostarla a forma di etichette da utilizzare con fogli adesivi pretagliati) e si possono selezionare le opzioni che vogliamo che compaiano nel file. In questo modo, alla fine, si possono salvare tutti i contatti sotto forma di Pdf e – una volta salvati su di una chiave di memoria Usb formattata per essere usata anche su di un Pc – utilizzarli anche quando il nostro Mac non è con noi.

Attenzione però: il salvataggio del Pdf di una lista di contatti molto ampia può richiedere parecchio tempo di elaborazione al “motore” di Mac Os X. Per il salvataggio globale di un AddressBook riempito con poco più di mille contatti (e moltissime piccole foto delle singole persone) su un PowerBook 15 da 1,5 Ghz sono necessari quasi dieci minuti!