Calumet della pace tra AMD e Intel

di |
logomacitynet696wide

AMD e Intel fumano il calumet della pace, almeno sugli standard di connettività . “Renderemo complementari HyperTransport e 3GIO”.

Sembra che il preventivato conflitto tra HyperTransport (HT) e 3GIO, due nuovi standard per la connettività  e la comunicazione tra dispositivi esterni e chip, non ci sarà .
AMD e Intel, ciascuno dei quali supporta l’uno o l’altro sistema, hanno infatti annunciato di avere raggiunto un accordo per rendere HT e 3GIO complementari invece che concorrenti. Il luogo della dichiarazione di pace è significativo: la conferenza degli sviluppatori Intel che si sta tenendo in questio giorni negli USA. Nel contesto del principale evento organizzato dal colosso dei processori AMD ha infatti annunciato di entrare nel consorzio Arrapahoe che cura l’implementazione di 3GIO.
Grazie a questa decisione Intel e AMD collaboreranno sugli standard invece che opporsi come sarebbe stato possibile accadesse. 3GIO secondo le intenzioni di Intel dovrà  prendere il posto di PCI e AGP ma ha anche le potenzialità  per insidiare HT, sostenuto da AMD e distinato essenzialmente alla comunicazione tra chip. Sulla carta si sarebbe quindi potuta scatenare una guerra simile a quella dei primi anni 90 quando PCI si batteva contro VL-Bus
Da quanto si comprende i compiti di HT e 3GIO resteranno diversi e ciascuno dei due contendenti si sforzerà  di non renderlo competitivo con quello studiato dall’avversario. Una buona notizia per tutto il mondo dell’IT che aveva di fronte l’incubo di due differenti standard conconseguente aumento dei costi di produzione e confusione tra i produttori.
A facilitare l’accordo i tempi con cui i HT e 3GIO sono destinati ad arrivare sul mercato. Il sistema di AMD è già  in fase di adozione ma è ancora allo stadio infantile, 3GIO sarà  presentato alla metà  del prossimo anno ma non sarà  disponibile sul mercato che dalla metà  del 2003. C’è quindi tutto il tempo per modificare le prospettive strategiche di ciascuna delle due parti.
Ricordiamo che Apple, solo qualche settimana fa, era entrata a fare parte del consorzio che sostiene HT.