Chip ATI nei sistemi SGI

di |
logomacitynet696wide

Silicon Graphics sceglie i chip di ATI per le sue nuove workstations Onyx. Prestigioso riconoscimento per le tecnologie della società  canadese.

Significativo e prestigioso riconoscimento per i chip di ATI. I processori della casa dell’€™Ontario, infatti, da ieri sono parte della linea di prodotto di Silicon Graphics.

La svolta, in un certo senso, può essere definita storica visto che è la prima volta che SGI decide di adottare chip prodotti da una terza parte invece che processori proprietari. ‘€œSi tratta di processori ‘€“ dice Guy Russell, uno dei responsabili di SGI ‘€“ che hanno la qualità  e le prestazioni necessarie per un’€™architettura ad alte prestazioni’€

I chip di ATI finiranno in macchine della serie Onyx, prodotti di fascia alta e destinate al rendering grafico professionale. Prodotti che hanno un costo che parte da 45.000 dollari per arrivare anche a 600.000 dollari. Alcuni esemplari di Onyx vengono utilizzati al laboratorio di ricerca di Alamo in Nuovo Messico, per la simulazione delle esplosioni nucleari

SGI non è il primo produttore di sistemi ad altissime prestazioni ad adottare schede prodotte da terze parti e di industrie che operano anche nel campo consumer. Sun, ad esempio, usa schede grafiche della stessa ATI.

Nonostante i chip grafici che verranno utilizzati da SGI non siano gli stessi che vediamo nelle schede dei Mac o dei PC, il fatto che SGI abbia deciso di usare schede di terze parti è, in ogni caso, un punto di svolta molto significativo. Si tratta infatti dell’€™implicito riconoscimento che la concorrenza in campo consumer sta producendo benefici effetti per chi si confronta in questo campo, ovvero ATI ed Nvidia, oggi in grado, anche e soprattutto grazie all’€™esperienza nel settore consumer, di rilasciare prodotti ad altissime prestazioni che a loro volta hanno ricadute nel mondo dei PC desktop e laptop.