Con Minimo Mozilla va all’attacco di Opera nei telefonini

di |
logomacitynet696wide

Tempi grami per il browser norvegese. La fondazione che produce il browser Open Source più pericoloso (per Microsoft) nel settore dei computer ha deciso di sbarcare anche nel settore mobile. E lì, il più diffuso è proprio il piccolo Opera, quasi scomparso nel settore del personal computing.

L’offensiva inizia piano, ma promette di essere costante e inesorabile: Mozilla Foundation ha annunciato infatti di pianificare il rilascio di Minimo, la versione tascabile del suo browser per le compagnie telefoniche. A partire da gennaio 2005 la versione 0.3, preliminare ma abbastanza stabile secondo gli sviluppatori della fondazione, sarà  disponibile per due produttori di telefoni cellulari i cui nomi non sono però stati ancora sviluppati.

L’assalto al mercato dei telefoni cellulari sarà  però piuttosto differente da quello che Mozilla e Firefox stanno portando nel settore dei computer. Infatti, gli utenti non hanno la possibilità  di installare il browser che preferiscono in tutti i cellulari. Molto spesso la scelta tecnologica viene effettuata “a monte” dal produttore, che decide quale browser non solo sia precaricato, ma risieda anche a livello più basso dei dati contenuti nel firmware.

Per dare un’idea di quali siano i piani di sviluppo di Minimo, che attualmente gira solo su architetture Arm mentre in futuro verrà  realizzata anche una versione Intel embedded, la possibilità  di sfruttare l’opzione di zoom delle pagine web (che Opera già  implementa da tempo) arriverà  solo a primavera. Intanto, però, l’allineamento del motore del rendering Mozilla è completo, consentendo così di dire che tutto quello che viene visualizzato correttamente su Firefox sicuramente viene visualizzato correttamente anche su Minimo.