Con PowerPoint è stato “commercializzato” un disastro spaziale?

di |
logomacitynet696wide

Discussione sul New York Times riguardo alla commercializzazione di ogni cosa mostrata con il proiettore di slide che tutto il mondo usa… almeno fino all’introduzione di quasi un anno fa di Keynote.

Il titolo dell’articolo di Clive Thompson è emblematico: “PowerPoint ti fa apparire stupido”.

Successe in estate che la NASA tentò di spiegare la tragedia dello Shuttle Columbia, avvenuta qualche mese prima, e ne scaturì una non troppo dettagliata relazione dei tecnici dell’ente spaziale, tramite il classico metodo delle slide di un famosissimo applicativo: Microsoft PowerPoint.

Vere alternative di massa a questo programma non hanno mai avuto diffusione e solo con l’arrivo di Keynote, per il mondo Mac, si aprì il varco ad una alternativa… ma fondamentalmente possiamo definire PowerPoint come la soluzione adottata da tutti (400 milioni di copie in circolazione), aziende e non, per mostrare un progetto o quant’altro in modo potenzialmente efficace.

L’articolo del quotidiano newyorkese però punta la sua attenzione sul metodo: nel caso dell’esplosione dello Shuttle si può contestare la scelta di una presentazione fredda, troppo approssimativa o troppo confusa, per volontà  di sintesi imposta.

L’organizzazione dei dati in programmi come questo rende la mente meno lucida e il contenuto delle slide rischia di apparire non adatto ad ogni occasione per la non corretta rappresentazione dovuta al metodo.

Si cita un testo che questo concetto lo ha compreso da tempo: “The Cognitive Style of PowerPoint” di Edward Tufte, il teorico delle presentazioni delle informazioni, PowerPoint forza la gente che prepara le presentazioni a mutilare i dati al di sopra delle comprensione degli stessi, seguono diverse argomentazioni che conosceranno benissimo chi in queste operazioni si cimenta spesso.

“L’attitudine di PowerPoint è di trasformare ogni argomento in slide dal tono commerciale” è una delle definizioni di Tufte, tratta dal suo libro.

Chi può dimenticare le presentazioni di Colin Powell all’assemblea delle Nazioni Unite per convincere tutti gli stati che, l’appena catturato capo del regime iracheno, fosse colpevole di ennesime violazioni con lo sviluppo delle armi di distruzione di massa (non ancora trovate, ndr).

Dal canto loro, alla Microsoft, rispondono che ognuno può scegliere cosa mettere nelle slide: c’è a chi piace la sintesi, c’è a chi piacciono le presentazioni dense di dati, con PowerPoint si può fare uno e l’altro.

Per leggere l’articolo online del NYT o siete in possesso di un codice di registrazione gratuito oppure potete usufruire questo link derivato dal motore di ricerca Google.