Condividere le foto con i computer del network

di |
logomacitynet696wide

Condividere le foto con i computer del network

Se il vostro computer è collegato ad altri computer in una rete locale, è possibile condividere le foto presenti in librerie, album, presentazioni, raccolte, calendari e biglietti con un massimo di cinque computer.

I computer devono essere nella stessa sottorete del computer (verifica in quale sottorete è il computer, nel pannello Network delle Preferenze di Sistema).

La condivisione delle foto richiede Mac con Mac OS X versione 10.2.6 o successiva e la presenza di almeno iPhoto 4 o versioni successive, su ogni computer che condivide le foto o cerca le foto condivise. Per condividere le foto sul network, procedere in questo modo:

1) Scegliete da menu “iPhoto” la voce “Preferenze”.

2) Fai clic su “Condivisione” nella parte superiore della finestra Preferenze.

3) Selezionate l’opzione “Condividi le mie foto”, quindi scegliete l’intera libreria oppure solo gli eventi, le cartelle, gli album, le presentazioni, le raccolte, i calendari o i biglietti che desiderate condividere.

4) Scrivete un nome per gli elementi condivisi nel campo “Nome di condivisione”. I nomi condivisi inseriti appaiono nell’elenco Sorgente di iPhoto sui computer configurati per la ricerca di foto condivise sul network.

5) Volendo, è possibile selezionare l’opzione “Richiedi password” e inserire una password. Gli utenti dovranno inserire la parola d’ordine prima indicate per visualizzare le foto condivise.

6) Ricordate che è necessario lasciare iPhoto aperto sul proprio computer in modo che gli altri utenti possano visualizzare la libreria e gli album condivisi.

E’ anche possibile selezionare “Cerca le foto condivise” nel pannello Condivisione. Tutte le librerie foto che sono disponibili sul network appaiono nell’elenco Sorgente.

Quando si visualizzano le foto condivise, queste vengono trasmesse attraverso il network sul computer. E’ possibile visualizzare e, se si desidera, importarle nella propria libreria.

[A cura di Mauro Notarianni]