Dell: “Non rifaremo un altro lettore MP3”

di |
logomacitynet696wide

Dell smentisce le voci sulla possibilità  di un rientro, dopo qualche anno, nel settore dei lettori MP3.”Mai stato nei nostri piani”, dice la società  di Round Rock. Ma secondo il Wall Street Journal in realtà  il piano c’era e sarebbe stato cambiato.

Il vociferato concorrente di iPod che Dell doveva lanciare non ci sarà . A smentire le voci circolate nei giorni scorsi e mai, fino a ieri, ufficialmente negate dalla società  di Round Rock è un blog interno della stessa Dell. “La nostra strategia * dice Dell * non è mai stata quella di entrare nell’arena dei lettori di musica digitale, ma di creare una piattaforma di distribuzione di media che si fonda su Zing e un sistema di accesso remoto che interessa tutti i nostri dispositivi, grazie ad accordi con fornitori di contenuti”.

La presa di posizione di Dell arriva sulla scorta di un articolo pubblicato dal solitamente informato Wall Street Journal che sostava esserci stato in proposito un vero e proprio cambiamento di piano. Un player sarebbe stato effettivamente previsto, ma Dell lo avrebbe di fatto cancellato anche se formalmente sarebbe stato solo rinviato a data da destinarsi. La piattaforma cui fa cenno Dell sarebbe la componente software (una sorta di iTunes) sopravvissuta al cambiamento di piano e ora resterebbe anche l’unico elemento di una strategia, priva della piattaforma hardware che tra le sue caratteristiche, in conseguenza dell’acquisto di Zing, sarebbe stata assai probabilmente segnata dal wireless.

Un lancio di un lettore di musica digitale con il marchio Dell avrebbe rappresentato un ritorno in questo settore da parte della società  nota nel mondo soprattutto per i suoi computer. Il Dj Ditty, così si chiamava la linea di MP3 player di Dell, non ebbe alcuni anni fa il successo sperato e venne quindi cancellata.

Le ragioni per cui, a voler dare ascolto al Wall Street Journal, il piano per il lancio di un concorrente di iPod sarebbe stato cancellato non sono chiare anche se è assai probabile che alla decisione non sia estraneo il clima generale del mercato dell’elettronica di consumo e quello dei lettori MP3 in particolare, ormai non più al top dell’interesse dei consumatori.