Desktop “bicefalo” con VNC

di |
logomacitynet696wide

Il desktop di un PC collegato in rete sullo schermo del Mac o, viceversa, quello del Mac su PC? Niente di più facile ed economico con Virtual Network Computing. Un software che permette di fare l’impossibile (o quasi)

Avete due Mac e desiderate controllare da uno il desktop dell’altro? Oppure volete manovrare il Mac da un pc? O viceversa?

Insomma, se avete la necessità  di utilizzare una seconda macchina (sia essa Mac, o pc o Unix) stando fisicamente davanti alla vostra, VNC è la soluzione per voi.

VNC (Virtual Network Computing) è un sistema di display remoto che permette di comandare un desktop ovunque esso si trovi, se raggiungibile tramite rete.

Le sue grandi forze sono la completa indipendenza dalla piattaforma (esistono server e client per tutti gli OS più noti), le piccolissime dimensioni degli applicativi, la gratuità  e la semplicità  di funzionamento per l’utente finale.

Facciamo un esempio: vogliamo utilizzare un pc dal nostro fidato Mac. I passaggi sono banali: basta scaricare sul Mac il freeware VNCThing e installare sul PC il server A questo punto non resta che collegare i cavi di rete, impostare correttamente gli indirizzi IP delle due macchine (ad esempio 10.0.0.1 sul Mac e 10.0.0.2 sul pc), lanciare il server sul pc impostando una password, e infine lanciare il client su Mac indicando l’indirizzo cui connettervi.

E’ tutto: in pochi attimi potrete utilizzare il pc da “dentro” OS X. Le prestazioni saranno migliori in presenza di una rete veloce e magari rinunciano ai milioni di colori sul pc.

Ovviamente è possibile anche il contrario: il pacchetto scaricato sul pc contiene anche il client di VNC, mentre per Mac OS occorre prelevare il server

Naturalmente il sistema funziona anche via Internet, e altrettanto naturalmente ci sentiamo di sconsigliarne l’uso in ambito non strettamente locale per motivi di sicurezza.

[A cura di Marco Centofanti]