Dichiarazione Intrastat: ora possibile anche su Mac

di |
logomacitynet696wide

Da quest’anno la dichiarazione Instrastat va trasmessa all’Agenzia delle Dogane esclusivamente in via telematica ma il software funziona solo su PC. La società Iscanet ha re-impacchettato il software originale Java dell’Agenzia delle Dogane e lo ha reso compatibile con i computer della Mela: ora la soluzione fai-da-te è disponibile per il download per tutti gli utenti della Mela.

A partire da quest’anno la dichiarazione Intrastat per gli acquisti e le cessioni intracomunitarie deve essere obbligatoriamente inviata all’Agenzia delle Dogane in via telematica. Purtroppo il software [email protected] messo a disposizione dall’Agenzia delle Dogane funziona solo sui sistemi Windows; per fortuna una soluzione per gli utenti della Mela ora c’è grazie ad Iscanet

La società della Basilicata che oper nel settore dei servizi Internet e del software ha deciso per il “fai da te” dopo essersi trovata a fare in conti con la stessa difficoltà di altre realtà che usano il Mac. “Abbiamo preso in esame il software – ci dicono i responsabili di Iscanet – e ci siamo resi conto che era  era sviluppato in tecnologia Java, presente anche sui sistemi dotati di sistema operativo Mac OS X. All’origine il software è stato impacchettato con InstallAnywhere ma rilasciato solo in formato EXE autoestraibile. Abbiamo quindi estratto il file, eliminato gli eseguibili e le DLL che non girano su Mac, abbiamo creato un Java application bundle per consentire un semplice avvio dell’applicazione mediante un doppio click e ora il software funziona sui sistemi Mac con Snow Leopard” L’ingegnosa soluzione fai-da-te realizzata da Iscanet può essere scaricata e utilizzata da tutti gli utenti della Mela a partire da questa pagina del sito dell’azienda.

Naturalmente Iscanet avvisa gli utenti Mac che la pagina web aziendale con il software in versione Mac non sostituisce il sito ufficiale dell’Agenzia delle Dogane, inoltre precisa che l’azienda non si assume alcuna responsabilità circa il corretto funzionamento del software. Con il programma convertito per Mac è possibile creare i moduli Intrastat ma non è possibili firmarli digitalmente dall’interno dell’applicazione. Per completare l’operazione quindi occorre un sistema e un software per Mac che permettano di inserire la firma digitale, anche soluzioni di terze parti utilizzate per apporre la firma digitale con altre applicazioni. In definitiva se l’utente Mac dispone degli strumenti necessari per apporre la forma digitale può utilizzarli per validare i modelli Intrastat creati con il software modificato da Iscanet per poi inviarli via Internet all’Agenzia delle Dogane.

Macitynet aveva trattato dell’impossibilità per gli utenti della Mela di effettuare la dichiarazione Intrastat in via telematica in nel mese di marzo. La situazione venutasi a creare per gli utenti Mac era paradossale: da una parte infatti è entrato in vigore l’obbligo della trasmissione Intrastat via Internet, dall’altra il software fornito funziona solo su PC. Se a questo aggiungiamo l’impossibilità di utilizzare i modelli cartacei, di fatto l’Agenzia delle Dogane obbliga gli utenti Mac ad acquistare un sistema PC o per lo meno una licenza di Windows da utilizzare all’interno di una macchina virtuale. Rimane un mistero sul perché l’Agenzia delle Dogane abbia optato di realizzare un software solo per PC, penalizzando così gli utenti di piattaforme diverse, non solo Mac ma anche Linux, invece di creare un software universale. La soluzione fai-da-te creata da Iscanet ora dimostra che il software [email protected] può essere facilmente trasportato su Mac e Linux e spinge a chiedersi come mai a nessuno in Agenzia delle Dogane sia venuto in meno di fare la stessa operazione compiuta da Iscanet. Certamente il costo o la difficoltà nell’eseguire questo che non può neppure essere definito un porting sono all’ultimo posto in una scala di ipotesi; molto più in alto potrebbe esserci la convinzione che sistema operativo sia sinonimo di Windows e che non esistano altri Os, il che non induce certo a maggior indulgenza di quanta non ne abbiamo avuta qualche settimana fa nell’esprimere giudizio sull’intera vicenda. Anzi…