Dos attack: tracce anche in Germania

di |
logomacitynet696wide

L’investigazione sui responsabili del DOS Attack che la scorsa settimana ha bloccato numerosi siti Internet americani pare stia dando qualche frutto. Oltre ad avere trovato tracce del passaggio degli hackers su una CPU dell’Università  della California, a Santa Barbara, gli investigatori dell’FBI stanno alacremente indagando in Germania, sempre negli ambienti universitari.

I responsabili della rete di una non meglio identificata università  tedesca, infatti, hanno rivelato di avere individuato un agente dell’attacco su una macchina sotto la loro responsabilità . In seguito a questa rivelazione cominciano a prendere corpo i sospetti che l’hacker noto con il nome in codice di “Mixter” possa essere in qualche modo implicato con la vicenda.
Mixter, di cui si sa solo che è di nazionalità  tedesca, è uno dei maggiori esperti mondiali di Dos Attack. Lui sarebbe l’inventore del Tribe Flood Attack (TFA), la variante di DOS Attack usata per impedire il traffico la scorsa settimana su, tra gli altri, Yahoo, E*Bay e Cnn. Mixter intervistato da alcuni siti Internet, si è sempre proclamato innocente postando anche i codici sorgente del TFA e le linee guida per gli amministratori intenzionati a difendersi da attacchi come quelli lanciati nella scorsa settimana. Sul capo di Mixter, però, pendono ora altri indizi e anche i sospetti lanciati da una società  che qualche anno fa gli assegnò un premio per avere individuato una metodologia particolarmente utile per impedire il Denial of Service. “E’ stato lui – dicono i responsabili della società  – senza alcuna ombra di dubbio”.
Secondo alcune fonti l’FBI sta attivamente cercando di arrivare a Mixter per sottoporto ad interrogatorio anche se non è chiaro se il fine sia l’incriminazione o la raccolta di ulteriori indizi.