Driver ATA per Newton OS

di |
logomacitynet696wide

Il Newton di Apple sarà pure morto ma ancora oggi vi sono migliaia di utenti in tutto il mondo che riescono a sfruttare il vecchio MessagePad per fare di tutto. Adesso c’è persino qualcuno che ha realizzato un driver Ata…

Il Newton può sfruttare solo SRAM e memorie Flash. E’ un problema per gli ancora numerosi utenti del PDA Apple dal momento che questo tipo di memorie sono ormai difficili da recuperare.
Al contario, le schede ATA compatibili (CompactFlash e SmartMedia con adattatore) si trovano facilmente dal momento che sono ampiamente utilizzate da moltissime macchine fotografiche digitali e da altri dispositivi ancora ma queste non sono (almeno in teoria) usabili con il Newton.

Qualcuno è ad ogni modo riuscito a collegare al vecchio PDA di Apple i microdrive da un pollice di IBM: si tratta di dispositivi piccolissimi (anch’essi usati da alcuni produttori di macchine fotografiche digitali), disponibili in “tagli” che vanno dai 340Mb ad un 1Gb e sfruttabili (con un adattatore) da slot PCMCIA di tipo 2.

In Apple l’uso esclusivo di schede lineari rappresentò sempre un grosso inconveniente per gli ingegneri che lavoravano allo sviluppo del Newton. A Cupertino provarono ad implementare la gestione di drive ATA in ROM ma successivamente la ricerca fu abbandonata ritenendo tale gestione difficile da implementare a causa della modalità  con la quale il Newton decodifica i dati lineari.

Un driver ATA èpresente nella ROM di Newton anche se in effetti è incompleto e non funzionante; qualcuno ha quindi deciso di scrivere da zero un driver per leggere i dati in settori. “Ata Support 0.1a1” – questo il nome del driver – è un software che pur con varie limitazioni e bug (nell’interfaccia grafica) consente di superare un limite del Newton OS.

L’autore mette a disposizione di chiunque ha la possibilità  di provarlo il driver: questa versione funziona sul MessagePad 120 US e sul MessagePad 2100 US ma presto dovrebbero essere disponibili versioni funzionanti su qualsiasi Newton 2.x.

[A cura di Newton ]