Dvorak: iMovie fa schifo

di |
logomacitynet696wide

John Dvorak colpisce di nuovo. Questa volta il ruggente opinionista “contro”, distrugge il mito ormai così diffuso tra i giornalisti informatici mondiali e tra gli osservatori del settore, di un futuro in cui computer e video saranno sempre più compagni di avventure.”Balle. Il videoediting sui computer non sarà  mai un fatto di massa. La gente non vuole fare videoediting sul computer. Ci vuole troppo tempo a meno che non si sia professionisti. Io lavoro in TV – si dice, più o meno e in sitesi nell’articolo pubblicato da PC Magazine – e so che cosa significa editare un filmato, quanto tempo ci si impiega anche se si è dei veri esperti. La gente non edita i filmati, butta semplicemente nella spazzatura quello che a loro non piace. E poi i filmati non editati sono molto più simpatici e spontanei. La fotografia è molto più popolare perchè é più facile e divertente”. Secondo Dvorak va poi sfatato il mito secondo cui editare film è economico “per produrre roba di buona qualità  su un computer ci vogliono almeno 50.000$ in attrezzature”, dice su PC Week. Non manca, ovviamente, una stoccata ad Apple con cui Dvorak deve avere un conto aperto e indicata come iniziatrice di quello che il giornalista ritiene il mito dell’editing sui computer: “iMovie? Per l’utente medio è roba che fa schifo”. In molti (nel mondo PC e Mac) si augurano che le previsioni di Dvorak abbiano lo stesso destino di molte altre sue sentenze, l’ultima delle quali prediceva l’inesorabile fallimento di iBook, definito dal sempre all’avanguardia vecchietto “il computer di Barbie”.