Ecco i nuovi filmati Get a Mac

di |
logomacitynet696wide

Sul sito di Apple arrivano tre nuovi filmati della serie “Get a Mac”. Tra di essi anche quello con la supermodel Gisele Bà¼dchen nei panni di un filmato fatto con il Mac.

I nuovi spot di Apple “Get a Mac” fino a ieri disponibili solo per chi visitava i negozi Apple negli Usa e in Canada, sono ora a disposizione di tutti. A portarli on line è Apple sul suo sito dedicato a “Get a Mac

Come già  scritto in precedenza i filmati pubblicitari, sono tre: Counselor, Self Pity e Better Results.

Nel primo il Pc e il Mac sono ad una seduta di una consulente che cerca, come succede per nel corso degli incontri di terapia famigliare, di mettere i due protagonisti uno di fronte all’altro per discutere dei loro problemi personali. Invitati a dire qualche cosa di sé, il Pc si accusa di avere problemi con i virus e di non sapere fare molto una volta tolto dalla scatola. Il Mac però cerca di consolarlo: “sei un mago con i numeri e ti vesti veramente elegante”. Il Pc cerca di fare lo stesso: “riconosco che sei meglio nei compiti creativi”. Ma poi non riesce a trattenersi e aggiunge a mezza bocca “anche se questa è roba per gente immatura e una perdita di tempo”. “Penso che sia meglio che ci vediamo due volte alla settimana”, chiosa fuori campo la terapista.

In Self Pity il Mac vestito di tutto punto spiega al Pc che il suo abbigliamento è imposto dal fatto che si deve “vedere” con Office per questioni di lavoro. Il Pc si abbandona alla disperazione franando a terra: “Lo sapevo che prima o poi sarebbe successo; va via e lasciami qui da solo a deprezzarmi”, dice al Mac.

Il terzo, certo il più divertente ma anche il più noto perché se n’è parlato fin dal momento in cui è stato girato, è quello che vede come protagonista la supermodel Gisele Bà¼dchen, qui nei “panni” di un filmato fatto con il Mac. “E’ abbastanza professionale”, dice il Mac. Al che anche il Pc vuole andarsene, ma poi è costretto dall’insistenza del Mac e della Bà¼dchen a fare entrare il suo “filmato”. Appare così un tizio con la barba mal fatta, che, vestito esattamente come la Bà¼dchen, parrucca bionda in testa, risultando, per comprensibili ragioni, meno gradevole, esordisce con un “what’s up” (qualche cosa di simile ad un rustico “ehilà “). “Ci sto lavorando”, dice fuori campo la voce di PC.

Al momento Apple non ha ancora postato né questi ultimi né i precedenti tre spot (Angel Devil, Accident e Trust Mac) sul sito italiano dedicato alla campagna pubblicitaria prendi un Mac.