Ecco i primi progetti finanziati dal BlackBerry Fund

di |
logomacitynet696wide

Viaggi, guide turistiche interattive e shopping online via smartphone: ecco i tre progetti che hanno riscosso i finanziamenti più consistenti da parte del BlackBerry Partners Fund, tutti in grado di sfruttare il posizionamento GPS per fornire servizi personalizzati e tagliati su misura a seconda della posizione dell’utente. Non è escluso che i software più promettenti in sviluppo per BlackBerry facciano prima o poi capolino anche su iPhone.

BlackBerry Partners Fund LP è stato creato nel mese di maggio per investire 150 milioni di dollari in società  impegnate nello sviluppo di software per i terminali BlackBerry: tra i principali investitori oltre a RIM ricordiamo Royal Bank of Canada e Thomson Reuters. L’iniziativa ricorda molto da vicino iFund creato da Apple per finanziare società  e progetti per lo sviluppo di software per iPhone e iPod touch, con uno stanziamento complessivo di 100 milioni di dollari. Macity ha trattato iFund in diversi articoli, per esempio si veda qui.

Come è successo alcuni mesi fa per iFund e iPhone, anche nel progetto BlackBerry Partners Fund tra i primi progetti ad essere ammessi al finanziamento ricoprono importanza particolare i programmi che sfruttano le funzioni GPS degli smartphone con servizi e funzioni in grado di rilevare la posizione dell’utente. Prima di descrivere i tre progetti a cui sono state destinati i finanziamenti più consistenti del fondo di RIM e soci, vale la pena notare che nessuna della compagnie finanziate sviluppa software esclusivamente per terminali BlackBerry.

Tra i progetti che saranno finanziati quello che ha ottenuto fino a oggi la somma più consistente è MobiMate, sviluppato dalla omonima società  israeliana: raccoglie le informazioni sugli orari dei voli e sui ritardi, offrendo consigli su hotel e ristoranti. MobiMate sfrutta le funzioni GPS integrate negli smartphone per rilevare la posizione dell’utente e aggiornare itinerario e programmazione del viaggiocon la zona oraria in cui ci si trova.

Digby con un finanziamento di 5,5 milioni di dollari è il secondo progetto nella graduatoria: permette di realizzare negozi online adatti alla visualizzazione sugli schermi degli smartphone, inoltre permette di indirizzare gli utenti ai negozi che si trovano nelle vicinanze sfruttando il GPS integrato. Terzo classificato con 3,2 milioni di dollari è Buzzd con sede a New York per la realizzazione di guide turistiche interattive. Il programma rileva la posizione via GPS suggerendo all’utente eventi e manifestazioni nelle vicinanze, ristoranti e così via.