Figli e figliastri

di |
logomacitynet696wide

Xbox figliolo prediletto, XP figliastro. Alla Microsoft paiono prediligere il progetto della consolle che è divenuto tanto prioritario, secondo qualcuno, da postporre il rilascio del nuovo Os ad inzio 2002

Benchè fino ad oggi Microsoft non abbia ancora detto nulla di ufficiale al proposito appare ormai certo che XP, il suo nuovo sistema operativo, stia dando qualche problema di troppo agli ingegneri impegnati nel suo sviluppo. Problemi che potrebbero imporre un ritardo nel rilascio, originariamente previsto per l’inizio l’estate e che ora è già  slittato a fine luglio o inizio agosto. Se la data fosse rispettata si tratterebbe dell’ultima occasione utile perchè i produttori di PC siano poi in grado di includere il nuovo Os nelle macchine in vendita a settembre, tradizionalmente un periodo molto interessante sotto il profilo dei profitti e inondare i canali per la stagione dei regali natalizi.Da Redmond, però, sono già  partiti segnali che sembrano far preludere che neppure la data di fine luglio o inzio agosto sarà  rispettata. In questo caso, dicono sempre fonti ufficiose, gli uffici marketing e vendite avrebbero in mente di postporre il rilascio di XP all’inzio del 2002.La scelta sarebbe determinata dall’esigenza di Microsoft di non interferire con la presentazione, prevedibilmente in stile faraonico, della XBox che sarà  il prodotto di punta per Natale.Molti produttori di PC si sono dimostrati sorpresi, se non irritati all’idea che Microsoft possa ritardare XP per dare spazio a Xbox. Questo significherebbe, infatti, colpire duramente le vendite di PC nel periodo natalizio visto che molti consumatori attenderebbero di avere macchine con il nuovo Os preinstallato o, addirittura, drenare parte delle risorse economiche degli stessi consumatori che preferirebbero acquistare la consolle di Microsoft piuttosto che investire in nuovi computers.Dal punto di vista di Microsoft, però, la decisione ha senso. Redmond punta in maniera chiara sul successo di Xbox che dovrà  imporsi sul mercato al più presto possibile per recuperare i costi di sviluppo e convincere gli sviluppatori a puntare su di essa. Secondo alcune fonti Microsoft perderà  ben 150$ per ogni Xbox venduta nella speranza di recuperare al più presto con la cessione dei diritti sui tools per la programmazione.Al contrario Microsoft teme che l’entusiasmo degli utenti PC per XP non sarà  di molto superiore a quello raccolto dalle versioni precedenti, da Win98 in poi e di conseguenza che l’impatto sul mercato, almeno inizialmente, sia modesto.Di qui la decisione di assegnare la priorità , in caso di ulteriori ritardi nella consegna del codice del nuovo Os, alla consolle.