Forrester: Vista come la “new Coke”

di |
logomacitynet696wide

L’analista di Forrester paragona Vista allo scarso successo delle nuove versione della Coca Cola: un solo PC su 11 funziona con Vista ma la piattaforma Windows rimane fondamentale tra le gradi aziende e le multinazionali. Il Mac in ufficio è consigliato solo nei settori in cui è essenziale.

L’autorevole società  di analisi di mercato ha reso disponibile una nuova ricerca in cui vengono esaminate le ultime tendenze tra le grandi imprese circa le basi di installato di sistemi operativi, programmi di navigazione Web, l’adozione di Flash e Java e persino la risoluzione grafica dei monitor più utilizzata negli uffici.

L’autore Thomas Mendel paragona Windows Vista alla nuova Coca Cola, la sfortunata bevanda che non è mai riuscita a scalzare la versione storica. Delle 50mila postazioni esaminate all’interno della grande aziende ben l’87,1 per cento funziona ancora con Windows XP, rispetto all’8,8% detenuto dal nuovo Windows Vista. L’autore della ricerca arriva così alla conclusione che i sistemi Vista sono in pratica le macchine sostituite che ancora veniva utilizzate con Windows 2000 e 98.

Nella ricerca si evidenzia come all’interno delle grandi aziende solamente 1 PC su 11 funziona con Vista, ciò nonostante Mendel sottolinea che Vista detiene comunque una base di installato nelle imprese doppia rispetto a quella del Mac. La presenza della piattaforma Apple è passata dal 3,7 per cento di gennaio 2008 al 4,5% rilevato a giugno, mentre cala sensibilmente la quota detenuta da Linux: dall’1,8% di gennaio a solamente lo 0,5% di giugno. Il consiglio di Mendel agli sviluppatori è quello di concentrarsi, sempre per quanto riguarda software e soluzioni per le aziende, su Windows XP e Vista e di non prendere ancora in considerazione i Mac a meno che essenziali per il settore in cui si opera.

Per quanto riguarda i programmi di navigazione cresce la quota di Firefox aumentata dal 16,8% al 19,4 a leggero discapito di Internet Explorer che passa dal 79,1% al 77,6%. Nelle aziende Safari rappresenta solamente il 2,4% del mercato. Nessuna sorpresa invece per le tecnologie Flash e Java che risultano anche qui onnipresenti con il 97% e il 99,9% di installato rispettivamente. Infine nonostante la tendenza a schermi panoramici sempre più ampi, il settore professionale è per lo più fedele ai formati tradizionali con circa il 34% delle postazioni con schermi a 1024×768 compresi tra i 15 e i 17 pollici, mentre il 25 per cento impiega schermi più grandi, fino a 19 pollici alla risoluzione di 1280×1024.