Fortune: Steve Jobs è il Ceo del decennio

di |
logomacitynet696wide

La rivista Fortune assegna il titolo di Ceo del decennio a Steve Jobs: un articolo ne ripercorre la lunga carriera ricca di successi incredibili e dei (pochi) colpi non andati a segno. “Gli ultimi 10 anni nella storia del business appartengono a Steve Jobs” dichiara Fortune attribuendo il premio all’unico imprenditore della storia ad aver rivoluzionato e generato ricchezza in tre settori diversi: cinema, musica e smartphone.

Nella quasi totalità  dei casi i più grandi imprenditori hanno rivoluzionato un solo settore riuscendo a costruire una posizione dominante spesso in settori in cui un leader era ancora assente: Fortune cita i nomi di Ford, Hilton e di altri imprenditori che in passato hanno creato imperi in industrie nascenti, completamente nuove e prive di concorrenti.

Anche per questa ragione l’incredibile opera di Steve Jobs deve essere meglio analizzata: si tratta dell’unico imprenditore che è riuscito a rivoluzionare e generare ricchezza operando in tre settori già  esistenti, in cui la concorrenza è presente e forte: cinema, musica e smarpthone. Il premio di Ceo del decennio attribuito da Fortune prende in considerazione solo gli ultimi 10 anni, non contando così la fondazione di Apple e il primo successo del giovane Jobs nella nascente industria dell’home computer.

In ogni caso gli ultimi 10 anni sono più che sufficienti per motivare il titolo: nel 2000 il valore complessivo di Apple era stimato in 5 miliardi di dollari e l’eventualità  del fallimento era una opzione che doveva essere tenuta in seria considerazione. Oggi il valore di Apple è di 170 miliardi di dollari, di poco superiore al valore di Google. Con il suo look anti-conformista, le sue manie e l’innegabile talento di trascinatore di folle Steve Jobs ha aperto strade da pochi o da nessuno immaginate, dando vita a prodotti che hanno saputo guadagnare la fiducia degli utenti. Difficile immaginare un Ceo di successo tanto famoso e noto anche al pubblico dei non addetti ai lavori.