Fruux censurato sulla Apple’s Software Download Page

di |
logomacitynet696wide

Secondo quanto riportato dal team di Fruux, Apple avrebbe rifiutato di pubblicare l’applicazione sulla pagina dedicata ai software sul sito www.apple.com. Motivazione ufficiale? troppo simile a MobileMe. O che si tratti forse di censura interessata?

Si è parlato in passato di Fruux, prodotto gratuito sviluppato per Mac OS X in Europa che poteva rappresentare una interessante alternativa a MobileMe, offrendo la sincronizzazione dei contatti, dei calendari e dei preferiti.

Da quello che si può leggere sul blog ufficiale di Fruux, questa applicazione sembra essere stata vittima di una sorta di censura da parte di Cupertino, che si rifiuta di pubblicare Fruux sul sito Apple nella Apple’s Software Download Page.
Da alcuni scambi di lettere sembrerebbe che la ragione stia nel fatto che Fruux si limita ad offrire funzionalità  simili a quelle di MobileMe, senza dare un valore aggiunto.

Come hanno legittimamente obiettato gli sviluppatori europei, questa motivazione oltre a risultare di per sè poco sensata (perché un’applicazione simile ad un’altra deve essere discriminata?), sembra non essere molto rispettata in altri casi di applicazioni simili. Le più ovvie? Firefox è simile a Safari, Thunderbird è simile a Mail e così via.

Infine questa politica sembra rispecchiare la “censura” operata da Apple nel caso dell’App Store per iPhone, quando alcune applicazioni non vennero accettate da Cupertino sempre perché troppo simili ad applicazioni già  fornite da Apple.

Il team di Fruux prevedeva poi di rilasciare un’applicazione proprio per iPhone; ma il timore di un eventuale rifiuto potrebbe far desistere gli sviluppatori dal procedere sul software per il cellulare della Mela.

L’unico segnale di “apertura” di Apple è la promessa di ri-prendere in esame Fruux nel caso in cui l’applicazione integrasse una funzionalità  di “sincronizzazione sociale”, presente nella road map del team europeo.

In ogni caso e comunque vada a finire, tali segnali appaiono poco rassicuranti per un mercato che dovrebbe invece fare della competizione e dell’offerta differenziata il suo vessillo da sventolare di fronte agli utenti, che da un’applicazione come Fruux potrebbero senza dubbio avere dei vantaggi.