Fusione Sony Music e BMG, l’UE dice sì

di |
logomacitynet696wide

L’Unione Europa dà  il via libera alla fusione tra Sony Music e BMG. “Non impedirà  la libera concorrenza sui prezzi”, dice la commissione. Tra coloro che si opponevano all’accordo c’era anche Apple.

Monti dice sì alla fusione tra Sony Music e BMG-Bertelsmann. Secondo quanto riferiscono alcune agenzie di stampa il commissario anti-trust dell’UE avrebbe deciso di dare via libera senza alcuna condizione all’operazione che porterebbe da cinque a quattro le grandi case musicali.

La decisione di Monti ha colto di sorpresa gli oppositori dell’accordo che avevano presentato alla UE un documento nel quale si avanzava il timore che a pagare sarebbero stati i consumatori in quanto la riduzione del numero delle case discografiche si potrebbe tradurre in una maggiore capacità  di controllare i prezzi e diminuito la concorrenza. Questa tesi è stata invece respinta in quanto da un esame delle varie posizioni, tra cui quella del presidente di BMG Rolf Schmidt-Holtz, non sarebbe emerso alcun indizio in questo senso.

Tra coloro che si opponevano alla fusione e che erano stati ascoltati dalla commissione c’era anche Apple, preoccupata per le ricadute sul suo business di vendita di musica on line.

Secondo alcuni osservatori Monti avrebbe deciso di dare via libera alla fusione dopo avere constatato che in altre occasioni la corte d’appello del Lussemburgo aveva cancellato alcune prese di posizione contrarie alle fusioni assunte dalla commissione.