Gateway: ‘€œIl potere di Microsoft è ancora molto alto’€

di |
logomacitynet696wide

Continua il processo per stabilire i rimedi da applicare allo strapotere di Microsoft. In tribunale Gateway racconta le facilitazioni e i vantaggi di chi è ‘€œamico’€ di Redmond.

Il potere coercitivo di Microsoft nei confronti dei produttori di PC è ancora molto alto e continua a dipendere dalla sua capacità  di imporre, con le buone o con le cattive, il proprio monopolio.
La seconda settimana del procedimento legale contro Redmond si è aperta ieri così come si era chiusa la prima, con la lettura di deposizioni scritte che mirano a mettere in luce come l’€™accordo con il DOJ non sia servito nel limitare lo strapotere sul mercato dei produttori di Windows.
A lanciare sospetti contro Microsoft è stato ancora una volta un manager di Gateway, uno dei più importanti produttori di PC, Anthony Fama.

Secondo Fama Microsoft ancora oggi premia i marchi più ‘€œfedeli’€ con fondi destinati alla pubblicità , 10 dollari di sconto per macchina venduta con preinstallato Windows.

In aggiunta a questo le nuove norme di contratto stilate dopo l’€™accordo con il DOJ sono addirittura più sfavorevoli nei confronti degli OEM. Ad esempio Microsoft può chiudere un contratto dopo due avvisi di inadempienza mentre prima gli avvisi erano tre. I nuovi accordi prevedono anche che sia Microsoft a stabilire quanto un particolare produttore di PC può iniziare a distribuire nuove versioni di Windows. In precedenza i rilasci erano sempre contestuali.

E’€™ chiaro che in questo modo Microsoft, secondo Fama, è in grado di favorire uno specifico produttore a svantaggio di un altro.
Fama, che è anche apparso personalmente di fronte alla corte, rappresenta un teste particolarmente scomodo per Microft.
Gateway è infatti un rilevante cliente di Redmond che depone a carico. Fino a venerdì in tribunale erano apparsi solo concorrenti.