GeForce 3 proibita agli Italiani

di |
logomacitynet696wide

La GeForce 3 a cinque mesi dalla presentazione non è ancora disponibile per il mercato Italiano. Come pezzo separato non è ordinabile, come build to order… quasi

Lanciata al MacWorld Expo di Tokyo; annunciata come disponibile a fine marzo; arrivata effettivamente solo ad inizio maggio ma non ancora disponibile a metà  luglio, almeno per gli utenti di Italia e pochi altri paesi al mondo.

Stiamo parlando della scheda GeForce 3 che, come ci segnalano alcuni lettori, a distanza di ben cinque mesi dalla sua presentazione non è ancora ordinabile sullo store on line di Apple. Se infatti si prova a selezionare la sezione degli accessori e a ricercare l’acceleratore 3D si vedrà  che, pur essendo presentato con tutte le sue caratteristiche, manca del bottone per l’inoltro dell’ordine.

Intanto non solo la GeForce 3 è ormai diffusa su molti PC ma è già  a disposizione dei clienti di USA, Hong Kong, Giappone e molti paesi Europei, come Svizzera, UK…

Che ci siano problemi e non si tratti di una dimenticanza o di un semplice errore viene confermato anche nel momento in cui si prova ad ordinare un G4 con la GeForce 3. Mentre una macchina con dotazione standard impiega, secondo Apple, 2 giorni ad essere spedita una con la scheda di Nvidia ci mette non meno di 45 giorni lavorativi, come dire che praticamente al momento non è disponibile. Da notare che, ad esempio, sullo store USA la consegna di una macchina con la GeForce ha un tempo stimato per la consegna di soli 7 giorni.

Difficile dire quale sia il problema all’origine della “discriminazione”; forse problemi di distribuzione o certificazione per alcuni paesi, forse semplicemente una scelta di politica commerciale.

Fatto sta che tra una decina di giorni a New York, con ogni probabilità , la GeForce sarà  probabilmente standard su alcuni dei G4 rinnovati che secondo alcuni voci verranno presentati al Javitz da Steve Jobs. E’ sperabile che almeno allora la scheda possa essere resa disponibile come pezzo separato, così che chi desidera qualche cosa di più potente per i suoi vecchi Mac abbia la possibilità  di aggiungerla, magari sfruttando un contestuale calo di prezzo.